banner
Sesso

Sesso a 50 anni: come cambia per donne e uomini

Condividi l'articolo

banner

I 50 anni di oggi sono molto diversi dai 50 anni di ieri: i cinquantenni odierni sono quasi sempre in forma e in buona salute, con ancora una lunga vita davanti a sé. Una vita che si vogliono godere in pieno, ovviamente. Sarà davvero possibile? Ad esempio: Cosa succede al sesso, quando arrivi a 50 anni?

Leviamoci subito un dubbio: puoi continuare a fare sesso per tutta la vita, se lo desideri, che tu sia uomo o donna. Ovviamente, il sesso di un cinquantenne è molto diverso dal sesso di un ventenne. Vediamo in che modo cambia e se c’è speranza anche in mezza età.

Come la menopausa influenza il sesso per le donne

L’età in cui si va in menopausa cambia da donna a donna, in base alla genetica e anche allo stile di vita. Gran parte delle donne va in menopausa tra i 48 e i 52 anni, ma la Grigia Signora può arrivare anche prima o dopo.

Anche se raramente, capita che alcune donne vadano in menopausa prima dei 40 anni e alcune a quasi 60 anni. I sintomi rimangono pressapoco gli stessi e anche la loro influenza sul sesso.

Sesso a 50 anni, cala il desiderio

In menopausa, il desiderio sessuale ha un calo fisiologico dovuto alle alterazioni ormonali. Dal momento in cui le ovaie chiudono baracca e burattini, si verifica un crollo dei livelli di estrogeni e di testosterone; anche il progesterone si riduce pian piano, fino a sparire quasi del tutto.

Questo non significa che sia tutto perduto, come l’esistenza di milf e gilf dimostra più che bene.

Dopo i 50 anni, la biologia non è granché dalla nostra, è innegabile. Per fortuna, puoi aumentare i livelli degli ormoni “zozzi” seguendo uno stile di vita sano, che preveda esercizio fisico regolare e una dieta equilibrata. In più, ricorda che la sessualità umana non è fatta solo dagli ormoni.

Ci si lubrifica di meno

Gli ormoni contribuiscono solo in parte al calo della libido tipico della menopausa. Il più delle volte, il vero problema sta nella mancanza di lubrificazione tipica del sesso over 50, che rende i rapporti dolorosi e non piacevoli.

La lubrificazione femminile è solo in parte connessa all’eccitazione sessuale. Già prima della menopausa, è normale essere meno lubrificate in alcuni periodi del mese, proprio a causa dei cambiamento ormonali tipici del ciclo. Dopo la menopausa, la situazione peggiora ulteriormente, ma niente paura!

Ecco qualche consiglio per aumentare la lubrificazione in menopausa:

  • usare lubrificante a base d’acqua, la soluzione più semplice e ovvia;
  • bere tanta acqua, per ridurre al minimo il rischio di disidratazione;
  • allenare il pavimento pelvico, per aumentare l’afflusso di sangue e migliorare così la lubrificazione;
  • fare tanti preliminari, anche con sex toy e giochini sensoriali.

Si riduce la sensibilità

I cambiamenti ormonali e la carenza di lubrificazione rendono i rapporti meno piacevoli. Inoltre, in menopausa si riduce la sensibilità di vulva e vagina in generale, a causa della carenza di estrogeni e della riduzione del tono muscolare.

Quando invecchiamo, tendiamo a diventare più mollicci e meno tonici in tutto il corpo, vagina compresa. Questo, insieme a tutte le amenità viste sopra, rischia di rendere il sesso a 50 anni decisamente meno piacevole.

Una certa perdita di tono è normale e inevitabile. Puoi però contrastarla facendo regolare esercizio fisico e allenando il pavimento pelvico. La riabilitazione del pavimento pelvico aumenta il tono dei muscoli vaginali, aumenta l’afflusso di sangue e aumenta la sensibilità.

banner

Il sesso a 50 anni per gli uomini

A volte sembra che siano solo le donne a invecchiare. Eppure – sorpresa sorpresona! – anche gli uomini subiscono il tempo che passa. L’invecchiamento maschile tende ad essere più graduale, dato che non ci sono grandi eventi apocalittici come la menopausa; eppure, riesce comunque a lasciare il segno.

Cosa fare?

La libido cala anche negli uomini?

Ebbene sì: anche gli uomini subiscono un calo della libido dovuto all’età. Dai 30 anni in poi, tutti gli uomini sperimentano un progressivo calo del testosterone, che accelera dopo i 40 anni: dopo gli “anta”, i livelli di testosterone si riducono del 2% circa ogni anno.

Proprio come per le donne, però, non è il caso di disperare: la sessualità umana non è fatta solo di ormoni. Inoltre, puoi sempre contenere il calo di testosterone con:

  • esercizio fisico regolare;
  • alimentazione sana e povera di grassi;
  • meditazione e yoga, per ridurre lo stress.

L’erezione è più difficile da raggiungere e mantenere

Secondo l’Università del Wisconsin, circa il 50% dei cinquantenni fa fatica a raggiungere e mantenere l’erezione, di tanto in tanto. Entro certi limiti, è colpa proprio dei bassi livelli di testosterone, ma ci possono essere molte altre cause:

  • farmaci per l’ipertensione, che riducono l’afflusso di sangue al pene;
  • alcol e fumo, che alterano la circolazione e la peggiorano;
  • scarso tono muscolare, specie nell’area del pavimento pelvico;
  • problemi cardiocircolatori, per le ragioni viste sopra.

Molti di questi problemi si possono limitare cambiando stile di vita: fare esercizio fisico migliora la circolazione sanguigna in tutto il corpo, pene compreso; mangiare bene riduce il rischio di sovrappeso e di diabete, che potrebbero provocare ipertensione e problemi cardiocircolatori; tagliare il fumo riduce la costrizione di vene e arterie.

Insomma, fatti un esame di coscienza e cerca di capire dove puoi intervenire. Inoltre, gli esercizi per il pavimento pelvico sono molto utili anche per contrastare i problemi di erezione e, ciliegina sulla torta, aiutano a godere e a durare di più.

Esercizi per il pavimento pelvico maschile

Si allunga il periodo refrattario

Nei ventenni il periodo refrattario dura un quarto d’ora a dir tanto: tempo di riprendere fiato e sono già in pista. In un uomo di 50 anni, invece, il periodo refrattario può durare 12 ore o più. Anche in questo caso, però, molto dipende dallo stato di salute della persona.

Uno stile di vita sano migliora non solo la qualità dell’erezione, ma accorcia il periodo refrattario. Questo perché stimola la produzione di testosterone che, come visto sopra, tende a diminuire con l’età.

Si può fare sesso non protetto a 50 anni?

Se una donna è in menopausa, non rischia di rimanere incinta e può evitare i contraccettivi. Purtroppo, l’invecchiamento non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili; l’aumento di casi di HIV tra gli over 60 ne è la dimostrazione.

Se sei in una relazione chiusa, puoi fare a meno di qualsiasi protezione (dando per scontato che siate entrambi fedeli, ovvio). Se però hai uno stile di vita libertino, ti conviene seguire i miei consigli su come fare sesso sicuro e fare sempre sesso protetto. È una scocciatura? Sì. Ne vale la pena, per continuare a fare dell’ottimo sesso a 50 anni e oltre? Sì, di nuovo.

Non fare il ragazzino: scopa e godi come l’adulto che sei.

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *