banner
BDSM

Pegging, la pratica erotica in cui lei penetra lui

Condividi l'articolo

banner

Il pegging è una pratica erotica quasi sempre connessa al BDSM. Nell’immaginario comune, l’uomo penetrato dalla donna si sta sottomettendo a lei e, in qualche modo, si sta facendo umiliare. È davvero così, però?

Vediamo cos’è il pegging nello specifico e come funziona.

Cosa significa “fare pegging” nel sesso?

Fare pegging è una forma di penetrazione da lei a lui, ma le due cose non sono sinonimo. Se sei una donna, infatti, puoi penetrare il tuo uomo in tanti modi. Ma come avviene la penetrazione? Puoi usare le dita, penetrarlo usando un dildo, fargli indossare un vibratore prostatico e controllarlo a piacere. Nessuna di queste cose però è pegging.

Nel pegging è la donna che incula l’uomo. Lo penetra con un dildo legato all’inguine, il cosiddetto “strapon”. Una precisazione inutile? Non proprio. Lo strapon funziona come un pene artificiale e trasforma la donna con strapon nel maschio di turno; il partner, “costretto” a fare la donna, deve subirne gli assalti e piegarsi al suo volere.

Questo capovolgimento di ruoli è comune nel femdom, la branca del BDSM nella quale la donna domina l’uomo. Dato che il sesso anale è piacevole anche (soprattutto!) per gli uomini, però, si può fare pegging anche senza rapporti di dominazione e sottomissione.

Cos’è uno strapon e come scegliere il migliore per il pegging

uomo inculato da donna

Lo strapon è lo strumento principe del pegging: se manca lo strapon, manca l’intera pratica. Cos’è questo strano aggeggio?

Di base lo strapon è un harness da legare all’inguine, niente di più. Ne esistono diversi modelli, ma la struttura è sempre pressapoco la stessa: una cintura che si lega in vita, con due cinghie che passano tra le gambe; all’altezza dell’inguine c’è una piastra cui attaccare un dildo.

I modelli migliori sono quelli simili allo strapon pegging di AcmeJoy: la cintura è regolabile e il dildo si può smontare a piacere. Questo ha due pregi:

  1. è più facile lavarlo, una volta finito;
  2. puoi scegliere le dimensioni che preferisci.

Ciononostante, ci sono strapon penetrazione anale maschile per tutti i gusti.

Lo strapon a mutanda

Come da nome, è una mutanda con un dildo attaccato sulla parte frontale. Alcuni modelli sono pezzi di lingerie da cui sbuca il dildo. Altri sono realizzati in gomma o in latex color carne.

Il pregio di questi strapon è accentuare l’effetto “donna col cazzo”, dato che non c’è un vero e proprio harness. Di contro, sono più difficili da regolare e anche meno stabili. Inoltre, in molti modelli non puoi sostituire il dildo.

Lo strapon sesso doppio o triplo

Per la donna, il pegging è una pratica eccitante dal punto di vista psicologico, nient’altro: non c’è nessuna stimolazione fisica. Per ovviare al problema, esistono strapon con dei dildo attaccati all’interno. Alcuni modelli ne hanno solo uno, da usare per la penetrazione vaginale o anale; altri ne hanno addirittura due.

banner

Gli strapon doppi e tripli sono eccitanti, ma anche poco flessibili: i due dildo sono attaccati all’harness, quindi è impossibile cambiare l’angolazione a piacere.

Personalmente, preferisco usare uno strapon tradizionale insieme a un ovetto o a un plug anale.

Lo strapless, lo strap on dildo senza cintura

Lo strapless è un dildo con due estremità: una per penetrare l’uomo; l’altra, più piccola e tonda, da infilare nella vagina. Non c’è nessun harness né mutanda: si regge il dildo con la sola forza del pavimento pelvico.

Il pregio dello strapless è stimolare anche la donna durante il pegging. Di contro, bisogna provarne diversi prima di trovare quello giusto.

Lo “strapon” da uomo

Tutti gli strapon sono utilizzabili anche da uomini transgender che vogliono penetrare il partner. Esistono strapon per uomini cisgender, però? Sì, anche se sono utilizzabili solo su donne e vanno contro la premessa stessa del pegging.

Gli strapon da uomo sono dildo da fissare alla base del pene, a volte con un harness e a volte con delle fascette di silicone. Li si usa per le doppie penetrazioni su donne cisgender o su uomini transgender non operati.

Come penetrare un uomo, se sei una donna

Una volta scelto lo strapon che si preferisce, non resta che passare alla pratica. Se sei una donna e non hai mai fatto pegging, l’esperienza della penetrazione maschile potrebbe essere eccitante ma anche difficile: l’atto di penetrare mette in moto muscoli che noi donne non usiamo, quanto meno nel sesso. Ecco quindi qualche consiglio per iniziare.

  1. Tieni lo strapon indosso per un po’, prima di usarlo: aiuta ad abituarsi.
  2. Inizia usando un dildo piccolo, più leggero e facile da gestire.
  3. Segui tutti i consigli visti nella guida su come fare sesso anale: i principi sono validi anche per il pegging.
  4. All’inizio, lascia che sia il partner a muoversi e a controllare la penetrazione.
  5. Prova diverse posizioni, oltre alla classica pecorina. La missionaria ha fama di essere noiosa, ma stanca meno ed è ottima per chi è agli inizi.

Pochi semplici principi, ma tanto basta per vivere un’esperienza memorabile.

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *