banner
Trans

Come Funziona l’operazione da Donna a Uomo?

Condividi l'articolo

banner

Quando si parla di transessualità, ci si riferisce quasi sempre all’universo “male to female”, ovvero a donne nate con genitali maschili. Non si guarda quasi mai all’altro lato della medaglia, i “female to male”; molte persone non sanno nemmeno come funzioni l’operazione da donna a uomo, esattamente.

In questo articolo ti spiegherò come funziona il percorso di transizione da donna a uomo, dalla terapia ormonale fino agli interventi di ricostruzione.

La terapia ormonale FTM

Proprio come le donne transessuali, anche gli uomini transessuali iniziano il percorso tramite una specifica terapia ormonale. In questo caso, l’obiettivo è indurre cambiamenti fisici che rendano sia il viso sia il corpo più mascolini.

Come funziona la terapia

Nella terapia ormonale FTM, si prescrivono soprattutto ormoni maschili come il testosterone, di solito somministrati tramite iniezioni intramuscolari, gel o cerotti transdermici. Qualche volta si usano anche altri tipi di ormoni androgeni, magari per ridurre il rischio di effetti collaterali come acne e perdita di capelli.

Lungo tutta la terapia ormonale, si mantiene un monitoraggio medico regolare. Il medico controlla i livelli di ormoni tramite esami del sangue periodici e, se necessario, apporta aggiustamenti al dosaggio o alla modalità di somministrazione.

Oltre che un monitoraggio medico, è presente anche un costante monitoraggio psicologico: per quanto desiderato, il cambio di sesso rimane un evento traumatico. Un professionista, specie se specializzato nell’ambito della disforia di genere, fornisce un sostegno prezioso durante tutto il percorso.

Quali sono gli effetti degli ormoni?

Uomo trans che assume ormoni
Quali sono gli effetti degli ormoni per diventare uomo

La terapia ormonale basta per stravolgere l’aspetto di un uomo transgender: da un certo punto di vista, ha un impatto molto più alto degli eventuali interventi successivi.

  • Crescita di peli su corpo e viso. Inizia a crescere la barba, anche se potrebbero volerci un paio di anni prima che diventi lunga e folta. I peli che anche noi donne abbiamo su braccia, gambe, ascelle, ecc, diventano più spessi e scuri.
  • Il grasso corporeo si ridistribuisce, spostandosi dalle gambe e dal seno all’addome. A causa di questo fenomeno il seno si rimpicciolisce, anche se non sparisce del tutto.
  • La massa muscolare aumenta, rendendo petto e spalle più ampi.
  • La voce diventa più profonda e bassa.
  • La pelle diventa più spessa e ruvida; spesso questo provoca la comparsa di acne, specie nei primi anni.
  • Il clitoride diventa più grande e, se era già grande in partenza, potrebbe assomigliare a un piccolo pene.

La terapia ormonale è anche anticoncezionale?

Nonostante il testosterone riduca l’ovulazione e le mestruazioni, non sempre le blocca del tutto: è possibile che, di tanto in tanto, un ovulo sfugga all’azione dell’ormone. Quindi no, la terapia per il cambio di sesso non è un anticoncezionale efficace: un uomo transessuale non operato può rimanere incinta.

L’operazione da donna a uomo

Esempio di uomo trans che ha scelto di non operarsi

A molti uomini trans la terapia ormonale basta e avanza: sono contenti con la loro bella voce profonda, la barba e le spalle larghe. Molti altri decidono invece di ricorrere alla chirurgia per eliminare il seno e, a volte, anche per costruire un pene.

Come funziona.

L’eliminazione del seno

La mastectomia bilaterale, ovvero la rimozione del seno, è probabilmente l’intervento più semplice dal punto di vista medico, nonostante il grande valore simbolico. Durante l’operazione, il chirurgo elimina il tessuto mammario in eccesso, modella il torace e riposiziona i capezzoli.

banner

L’operazione è abbastanza fastidiosa, specie nella prima settimana dopo l’intervento, ma non ha effetti collaterali. A patto di cambiare le fasce con regolarità e di evitare sforzi eccessivi, le ferite guariscono nell’arco di 6 mesi. Rimarranno delle cicatrici, ma diventeranno meno evidenti con il passare gli anni.

Gli uomini trans hanno il pene?

Ecco, la chirurgia genitale è molto meno diffusa della rimozione del seno. Se ricostruire una vagina è già di per sé un affare complicato, infatti, ricostruire un pene funzionante lo è ancora di più. Si corre sempre il rischio di intaccare la sensibilità del clitoride e, comprensibilmente, non tutti sono disposti a correrlo.

Per chi decide di andare fino in fondo con l’operazione da donna a uomo, ci sono due opzioni.

  • Trasformare il clitoride in un piccolo pene. Gli ormoni dovrebbero aver già aumentato le dimensioni del clitoride, che diventa il punto di partenza per la ricostruzione del pene. Il chirurgo rimuove quindi gli elementi della vulva e usa i tessuti per completare la trasformazione. Ciò include spostare l’uretra dentro e alcuni legamenti alla base del nuovo pene.
  • Ricostruire tutto il pene. Si usano tessuti prelevati da gambe e braccia per costruire un pene nuovo di zecca, un po’ più grande di quello ottenuto con il metodo visto sopra. Il clitoride rimane alla base del pene ricostruito.

In entrambi i casi, il chirurgo usa parte dei tessuti vaginali per costruire anche uno scroto.

Il pene di un uomo trans “funziona”?

Uomo trans con mano nelle mutande
Il pene di un uomo trans “funziona”?

La ragione per cui molti uomini trans decidono di tenersi la vagina è proprio questa: è difficile che un pene ricostruito funzioni come il pene di un uomo cisgender. Inoltre, spostare e allungare il canale uretrale aumenta di molto il rischio di complicazioni, anche se la chirurgia sta facendo molti passi in avanti.

Se si usa la metoidioplastica, ovvero la trasformazione del clitoride, si ottiene un pene lungo massimo 7 cm. Bisogna di che il pene è reattivo e sensibile, il che è un fattore importante da considerare, ma è anche difficile da usare in un rapporto penetrativo.

Se si usa la falloplastica, invece, il pene può essere delle dimensioni che vuoi (nei limiti del tessuto rimovibile da gambe e braccia). Il clitoride alla base e l’innervazione dei tessuti garantiscono una buona sensibilità, ma non c’è erezione. Per avere un’erezione, serve una protesi che va aggiunta con un’altra operazione.

Operazione o non operazione…

…un uomo trans rimane un uomo e, proprio come le donne trans, ha anche qualche asso nella manica: l’esperienza in un corpo femminile gli ha insegnato come far godere una donna con la lingua, come stimolare i punti giusti e tanti altri trucchetti.

Dovessi incontrarne uno su un sito di incontri, ti consiglio di approfittarne.

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *