Lovense Hyphy: Il Vibratore Doppia Funzione per Avere Tutto

Condividi l'articolo

Se sei come me, mentre ti masturbi passi da un tipo di stimolazione all’altra: prima i capezzoli per riscaldarti, poi la vulva, poi avanti e indietro tra clitoride e vagina. Purtroppo, questo significa dover tenere sottomano sia uno stimolatore clitorideo sia un vibratore vaginale. Grazie alle sue doppie estremità, Lovense Hyphy risolve il problema.

Le sue due punte sono progettate per dare il massimo sia nella stimolazione interna sia in quella esterna. Vediamo come.

Com’è fatto Hyphy

Com’è fatto Hyphy

In sostanza, Lovense Hyphy è composto da due vibratori fusi insieme. Un’estremità consiste in un vibratore vaginale classico, lungo circa 11 cm; la forma di virgola e la punta un po’ più grossa sono pensati per stimolare meglio il punto G. All’altra estremità c’è invece una piccola antenna sormontata da una pallina, pensata per stimolare il clitoride. Appena sotto lo stimolatore clitorideo, c’è la pulsantiera.

Ti starai chiedendo se non sia più facile usare un vibratore normale per stimolare anche il clitoride. Prima di provare Hyphy, è quello che facevo anch’io e che fanno tutt’ora molte altre persone. È una soluzione decente, non c’è dubbio, ma di sicuro non ottimale: la punta di un vibratore vaginale copre un’area più ampia del solo clitoride, quindi le vibrazioni tendono a disperdersi.

Hyphy è invece concepito per concentrare le vibrazioni in un’area ridotta (l’estremità dello stimolatore clitorideo misura appena 6 mm), massimizzandone così la potenza. Inoltre, ciascuna estremità ha un proprio motore dedicato: un motore ad alta frequenza per stimolare il clitoride e un motore a bassa frequenza per la stimolazione del punto G.

Quali accessori ci sono con Lovense Hyphy

Ammetto di non amare gli accessori che qualche volta accompagnano i vibratori: cappucci in silicone ed estensioni mi sembrano quasi sempre inutili.

Lovense Hyphy è accompagnato da tre accessori per lo stimolatore clitorideo:

  • cappuccio tondo, per chi preferisce una stimolazione meno concentrata;
  • attacco a U, per abbracciare il clitoride su tre lati;
  • linguetta, per simulare il sesso orale.

Se ne può fare a meno? Sì, ma devo dire che non sono male. L’attacco a U è ottimo per stimolare anche i capezzoli, mentre il cappuccio tondo è interessante nella fase di riscaldamento, quando una stimolazione troppo diretta potrebbe risultare addirittura dolorosa.

Come usare Hyphy

come usare Hyphy

Come tutti i giocattoli Lovense, anche Hyphy è dotato di antenna Bluetooth per controllarlo in remoto, tramite l’apposita applicazione scaricabile gratuitamente. Ciò ti consente di controllarlo in tre modi:

  • manualmente, tramite i pulsanti posti sul sex toy stesso;
  • a distanza ravvicinata, usando connessione Bluetooth e applicazione per cellulare;
  • a lunga distanza, per fare sesso online con il tuo partner. In questo caso, devi avere una connessione a internet e un account registrato sulla app.

Tramite l’applicazione hai libero accesso a infiniti pattern di vibrazione, alcuni dei quali sincronizzabili con suoni esterni e musica.

Dato che il vibratore è impermeabile, puoi usarlo anche sotto la doccia o nella vasca da bagno. In questo caso, procurati però un lubrificante che non sia idrosolubile ma che non rovini il silicone.

Garantisce una buona presa?

Durante l’uso, ho trovato solo un problema: mantenere una presa ben salda durante la stimolazione interna. Se ti piace una stimolazione tranquilla, la presenza dell’antenna non è un problema. Se però preferisci muovere il vibratore con una certa violenza, è facile che l’estremità clitoridea ti dia un po’ fastidio.

Quanto è rumoroso Lovense Hyphy

Purtroppo la potenza di Lovense Hyphy ha un prezzo: è un vibratore dannatamente rumoroso, specie quando lo usi per la stimolazione clitoridea.

Secondo me ne vale la pena: preferisco dover mettere un po’ di musica mentre mi masturbo, piuttosto che avere un vibratore silenzioso ma noioso. Se però hai grossi problemi di privacy – magari vivi con i tuoi genitori o hai dei coinquilini – ti consiglio di orientarti su altri giocattoli.

Come si ricarica

Hyphy è pensato come un vibratore da viaggio e si vede: prima di tutto è un vibratore “due in uno”, il che lo rende comodo per non appesantire la valigia; in secondo luogo, è venduto insieme a una custodia che funge anche da caricatore.

La custodia di Hyphy è dotata di un apposito attacco magnetico, così da ricaricare il vibratore al suo interno. Si tratta di un’ottima soluzione per ricaricare il giocattolo mentre sei in movimento, magari in una camera dall’igiene dubbia. Se però la pulizia non è un problema, puoi ricaricarlo anche senza custodia.

Il vibratore si ricarica in 75 minuti, garantendoti fino a 5 ore di uso continuo: più che abbastanza per lunghe sessioni di piacere.


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SU TELEGRAM>>>

X