banner
BDSM

Lactofilia: la fantasia erotica dell’allattamento materno

Condividi l'articolo

banner

La lactofilia è una forma di attrazione erotica verso l’allattamento, comune soprattutto tra gli uomini. Alcune persone praticano questa forma di allattamento erotico in accoppiata con l’adult baby, una sottocategoria dell’age play abbastanza di nicchia.

In questo articolo ti spiegherò come funziona nel dettaglio, mettendo in chiaro anche rischi e “best practice”.

Cos’è la lactofilia o lattofilia

Come accennato sopra, la lactofilia è il fetish dell’allattamento e del latte materno. Ti sembra strano? Eppure, secondo il Dr. Justin Lehmiller circa un terzo degli uomini avrebbe fantasticato sull’atto di farsi all’allattare. Molti di questi non hanno alcuna intenzione di mettere in atto questa fantasia. Una minoranza, invece, passa all’azione: i feticisti del latte materno, appunto.

La lactofilia si può esprimere in diversi modi:

  • desiderio di farsi fisicamente allattare, anche al di fuori dell’age play;
  • attrazione verso il solo latte materno, anche quando ottenuto mediante un tiralatte;
  • eccitazione nel guardare una donna che allatta.

Un ombrello piuttosto ampio di pratiche, alcune più semplici di altre da soddisfare. Ad esempio, è abbastanza facile trovare video di allattamento tra adulti online. Cercando bene, puoi trovare anche negozi specializzati nella vendita di latte materno per adulti.

Il desiderio di farsi allattare è il più difficile da soddisfare, siamo sinceri. Non buttarti giù, però: è più fattibile di quanto sembri.

Per quanto tempo si può allattare un adulto?

Ho una buona notizia per te: una donna può continuare ad allattare per anni, dopo aver partorito. Se è in buona salute, basta continuare a stimolare la montata lattea tutti i giorni e più volte al giorno, nel modo che si preferisce. Basta che ci sia qualcosa che succhia il capezzolo, che sia un tiralatte o una persona.

Se la tua partner ha finito da poco di allattare, puoi chiederle di continuare a usare un tiralatte. Se è d’accordo, potete praticare l’allattamento erotico anche per anni. Finché continuerà a stimolare la produzione di latte, l’organismo continuerà a produrre prolattina, l’ormone dell’allattamento.

C’è solo un possibile problema: meno si allatta, minori sono i livelli di prolattina e meno latte si produce. Usare il tiralatte tutti i giorni, magari più volte al giorno, può essere pesante. Se la partner lo sta facendo solo per farti un piacere, finirà per stancarsi e la montata lattea andrà scemando. Ecco perché l’allattamento erotico funziona solo se eccita entrambi i partner.

Inoltre, come fare se non hai figli e non ne desideri?

Come allattare senza gravidanza

succhiare seno lactofilia
Come allattare senza gravidanza

Ho un’altra buona notizia per tutti gli amanti della lactofilia in ascolto: si può allattare anche senza gravidanza. Esistono tecniche pensate per stimolare la produzione di latte in donne che non sono incinte. Molte donne le usano per allattare dopo un’adozione o una gravidanza surrogata ma, ovviamente, c’è spazio anche per l’erotismo.

Per indurre la lattazione bisogna:

  • usare il tiralatte ogni 3 ore, tutti i giorni;
  • assumere alimenti che stimolano la produzione di prolattina, come il fieno greco e l’orzo;
  • assumere ormoni che simulino lo stato di gravidanza (opzionale).

L’ultimo punto è il più delicato, dato che implica l’uso di farmaci sotto supervisione medica. Non è detto che un medico sia d’accordo con una terapia farmacologica del genere. Inoltre, le terapie ormonali possono avere effetti collaterali.

Meglio limitarsi ai primi due punti, anche se servono costanza e molta pazienza: prima che l’organismo inizi a produrre latte, infatti, servono tra i 20 e i 40 giorni di induzione della lattazione. Una volta indotta la montata, bisogna continuare a usare il tiralatte tutti i giorni e più volte al giorno.

banner

Si può indurre la lattazione in un uomo cis o in una donna trans?

Se un uomo cisgender inizia a produrre latte spontaneamente, è una pessima notizia. Gli uomini producono prolattina, ma mai a livelli abbastanza alti da indurre la lattazione. Se la prolattina aumenta, può essere colpa di una malattia endocrina o perfino di un tumore. Niente di buono, insomma.

È impossibile che un uomo cis (sano) inizi a produrre latte spontaneamente. Può indurre la lattazione esattamente come una donna cis, però, almeno sulla carta. Per farlo deve usare il tiralatte e assumere una terapia ormonale a base di estrogeni.

L’ultimo punto è il più problematico, se parliamo di un uomo cisgender: gli estrogeni sono ormoni femminili e, in quanto tali, inducono cambiamenti come la crescita del seno e l’atrofizzazione del pene. Tutti effetti pessimi per un uomo cisgender ma ottimi per una donna transgender.

Combinando tiralatte e terapia ormonale di riassegnazione del sesso, una donna transgender può produrre latte e, se lo desidera, può praticare l’allattamento erotico.

La lactofilia è piacevole anche per la donna?

Se ne parla poco per una sorta di pudore, ma molte donne provano piacere nell’allattare. L’atto di allattare stimola la produzione di ossitocina, uno degli ormoni prodotti durante l’orgasmo. In qualche caso, l’allattamento può addirittura stimolare contrazioni uterine tali da provocare un orgasmo vero e proprio.

Molte donne si vergognano a parlare di queste sensazioni, dato che l’allattamento dovrebbe essere qualcosa di sacro. Se però hai la fortuna di avere una partner mentalmente aperta, che non si fa problemi a parlare di certe cose, potresti avere una piacevole sorpresa. “Potresti”: il condizionale è d’obbligo.

Molte donne trovano l’allattamento piacevole, ma molte altre lo trovano doloroso. La suzione continua può irritare i capezzoli e provocare piccole ferite, mentre la continua produzione di latte può provocare veri e propri ingorghi mammari. Quindi non è detto che la partner provi piacere nel farsi succhiare il seno per all’allattarti, per quanto mentalmente aperta e avventurosa.

L’allattamento tra adulti ha controindicazioni?

A parte per quanto visto sopra, per una donna non ci sono controindicazioni nell’allattare naturalmente, anche senza gravidanza. Gli unici possibili problemi sono quelli comuni anche nell’allattamento tradizionale. Diverso per chi si fa allattare.

Quando allatti un bambino, non puoi bere troppo né assumere farmaci. Sai perché? Perché il latte materno può diventare un vettore di sostanze possibilmente dannose.

Nell’allattamento tra adulti, l’alcol e la cannabis non sono certo un problema: do per scontato che tu abbia ampiamente superato l’età legale per bere. Il vero problema sono le malattie che si possono trasmettere tramite il latte materno, talvolta molto gravi. Purtroppo, non basta un preservativo per proteggerti dal contagio.

Se hai fantasie erotiche legate all’allattamento, ti consiglio di metterle in pratica con partner stabili. In alternativa, assicurati che la persona a cui vuoi succhiare i seni e farti allattare sia sana e testata contro le MST.

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *