banner
BDSM

Feederism: Quando Mangiare Diventa Fetish

Condividi l'articolo

banner

Il feederism è un fetish connesso solo in parte al BDSM: il rapporto di dominazione e sottomissione è solo una delle possibili interpretazioni di questo feticismo che, qui in Italia, è poco conosciuto.

In questo articolo ti spiegherò a grandi linee cos’è il feederism e come lo si pratica.

Cos’è il feederism

“Feederism” è un termine ombrello che indica pratiche connesse al cibo e all’atto di mangiare, diffuse soprattutto negli Stati Uniti. I praticanti si dividono tra:

  • feedee, persone che si fanno nutrire o che si mostrano mentre mangiano;
  • feeder, persone che nutrono i feedee o li guardano mangiare.

A partire da questo nucleo, si suddividono una grande varietà di feticismi anche molto diversi tra loro. Alcuni di questi sono tutto sommato innocui, mentre altri possono diventare un pericolo per la salute.

Feederism e BBW fetish: sono la stessa cosa?

BBW fetish
BBW fetish, l’amore per le donne “grandi”

Il BBW (Big Beautiful Women) fetish è l’attrazione erotica verso le donne sovrappeso e obese. Le persone con questo fetish amano toccare la “ciccia”, immergersi in seni giunonici, affondare tra natiche ampie.

Molti feeder sono anche amanti delle BBW, è vero, ma non è detto che le due cose si sovrappongano. Il fulcro del feederism è l’atto di mangiare e di dare da mangiare; a volte si accompagna al desiderio di vedere il partner ingrassare, è vero, ma non è detto che sia sempre così.

Allo stesso modo, non è detto che un amante delle BBW viva il cibo come qualcosa di erotico: il fulcro di questo fetish è il grasso, più che l’atto di nutrire il partner. L’importante è ammirare e toccare donne giunoniche, non necessariamente guardarle mangiare.

In definitiva, feederism e BBW fetish non vanno confusi, anche se spesso viaggiano insieme.

Quando il feederism incontra il BDSM

Come unire feederism e BDSM
Come unire feederism e BDSM

Un discorso simile si può fare anche con il BDSM: il feederism non è una pratica BDSM, di per sé; lo può diventare, a seconda di come viene declinata. Il rapporto di potere tra feedee e feeder, infatti, si presta molto bene a diventare un rapporto di dominazione e sottomissione.

L’atto stesso di nutrire un’altra persona può essere una manifestazione di potere: scegli cosa dare da mangiare, quando, in quali quantità, perfino in che modo. Non per nulla, molti feeder amano preparare da mangiare ai partner feedee e non limitarsi a guardarli mangiare, ma imboccarli dall’inizio alla fine.

Un’altra cosa da considerare è l’effetto di cibi e bevande sul corpo e, in particolare, sullo stomaco. Ormai quasi tutti sono andati almeno una volta a un ristorante “all-you-can-eat”, dove puoi mangiare tutto quello che vuoi. Molte persone, attratte dalla formula, finiscono per mangiare troppo ed escono dal ristorante gonfi e doloranti. Per gli amanti del feederism, questo potrebbe essere parte del piacere.

Cibo e bevande possono essere usati come uno strumento di dominazione, proprio come fruste e manette nel BDSM tradizionale. Non solo puoi costringere l’altro a mangiare cose che non ama (un’occasione per fargli mangiare le verdure, magari?); puoi perfino provocargli mal di pancia o gonfiori causati da bevande gassate.

Il feederism porta sempre all’aumento di peso?

Una delle possibili conseguenze del feederism è l’aumento di peso e, per qualcuno, è parte integrante del gioco. In questo caso si parla di “gaining” e il fine ultimo del feeder è far ingrassare il suo feedee.

Il gaining è probabilmente la pratica più controversa del feederism, dato che può sfociare nell’obesità.

Ci sono filoni di spettacoli in cam e di porno basati su BBW che mangiano cibo spazzatura e che, periodicamente, fanno vedere ai fan quanto sono ingrassate. Esistono perfino canali YouTube basati su persone che si abbuffano che, pur non essendo esplicitamente erotici, strizzano l’occhio al feederism.

In realtà, feederism e gaining non sono sinonimi, proprio come non lo sono feederism e BBW fetish. Viaggiano spesso insieme, ma non è necessario che un feedee ingrassi o che un feeder voglia vedere il partner ingrassare.

Feederism, come giocare in modo SSC

Feederism SSC
Praticare il feederism in modo sano, sicuro e consensuale

Il feederism SSC sta ai disturbi alimentari come il BDSM sta all’autolesionismo: i profani li confondono, ma solo due cose profondamente diverse. Dato però che il feederism è molto meno conosciuto del BDSM, è molto più facile fare confusione e sfociare in pratiche dannose per la salute.

Vediamo come fare per praticare il feederism in modo sano, sicuro e consensuale.

  • Tenere d’occhio il peso. Se si vuole mantenere la pratica SSC, non bisogna mai arrivare a una quantità di massa grassa pericolosa per la salute, pur ingrassando. Altrimenti si sfocia in aspetti più vicini al RACK: scelta legittima, ma da non prendere a cuor leggero.
  • Esagerare senza esagerare. Farsi frustare tutti i giorni non fa bene, così come non fa bene farsi fistare un giorno sì e l’altro pure. Lo stesso vale per il feederism: mangiare tutti i giorni enormi quantità di cibo fa male, specialmente se si parla di cibo spazzatura. Le sessioni di feederism andrebbero trattate come quelle delle pratiche succitate, lasciando tempo al corpo per riprendersi.
  • Esplorare le alternative. Pochi conoscono la cattiveria dell’insalata scondita: pur essendo quasi del tutto priva di calorie, riempie lo stomaco e gonfia che è una meraviglia. Proprio per questo motivo, alcuni feeder la usano nelle sessioni con feedee che non possono/vogliono prendere peso.
  • Parlarne. Il feederism è un kink stigmatizzato perfino all’interno della comunità BDSM, il che porta molte persone a vergognarsene e a non parlarne con il partner. Al contrario, bisognerebbe sempre condividere le proprie fantasie e cercare una persona che faccia quanto meno lo sforzo per venirti incontro.

L’argomento è ampio e ci sarebbero mille altre cose da dire. Spero di averti dato quanto meno un’infarinatura e, chissà, di averti dato qualche idea per giochi nuovi.

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *