banner

Le Dark Room dei Locali: Cosa Fare e non Fare

Condividi l'articolo

banner

Le dark room presenti nei locali per scambisti solleticano le fantasie di molti. Al loro interno, può capitare di tutto e con chiunque: ti basta entrare, per trovare offerta di sesso in abbondanza e tutta la privacy di cui hai bisogno. Una volta finito, quello che è successo nella dark room rimane nella dark room.

Come approcciarti a queste aree dei locali? C’è un’etichetta da rispettare?

Dark Room, pro e contro

Come funzionano le dark room nei locali per swinger

Come intuibile dal nome, una dark room è una stanza dove c’è poca luce. Le stanze di questo tipo sono comuni nei locali gay, nei club privè e in tutti i locali pensati per il sesso occasionale. Negli ultimi anni, però, stanno prendendo piede anche in alcune discoteche “eterosessuali” con una forte impronta sensuale.

Le dimensioni della dark room dipendono molto dal tipo di locale: puoi trovarne di enormi e di così piccole da contenere appena quattro o cinque persone. Sempre a seconda del locale, la dark può essere del tutto al buio o illuminata solo quel tanto che basta per muoverti, magari con luci colorate che facciano atmosfera. L’idea è sempre e comunque ridurre al minimo la visibilità, in modo da lasciare spazio agli altri sensi.

Dato che non puoi vedere chi ti sta attorno (e chi ti sta intorno non può vedere te), dentro una dark room è più facile lasciarti andare a nuove esperienze. Puoi entrarci da solo e fare sesso con una persona alla volta, oppure approfittarne per fare sesso a tre o partecipare a un’orgia.

Alle prime armi? Lascia perdere

Ragazzo inesperto in dark room
Ragazzo inesperto in dark room

Bellissimo, non è vero? Le dark room hanno indubbiamente il loro fascino ma, se sei alle prime armi come scambista, ti consiglio di lasciarle perdere.

Il buio cancella i freni inibitori delle persone, il che non è sempre un bene per chi è agli inizi. Nelle dark room, si usa tanto il tatto per approcciarsi alle persone e chiedere loro il consenso: venire toccato da persone che non conosci e che non vedi, senza nemmeno un saluto o una presentazione, può essere destabilizzante.

Se non hai mai fatto scambio di coppia, inizia con qualcosa di più easy. Guardati intorno nel locale, scegli le persone che potrebbero interessarti e prenditi tempo. Una volta che sarai un po’ più navigato, avrai tutto il tempo per tuffarti anche tu nel buio.

Scegli un locale di buon livello

Il livello della dark room dipende quasi sempre dal livello del locale: se il locale è sciatto e non prevede nemmeno un minimo di dress code, la dark room non potrà essere molto diversa.

Prima di avventurarti nella dark, assicurati che il locale sia pulito. Se i locali illuminati sono sporchi, la dark room non potrà che essere peggio. Un giro per il club è un’occasione anche per dare un’occhiata agli ospiti della serata dato che, con ogni probabilità, saranno le stesse persone che incontrerai al buio.

banner

Stai attento all’igiene

Quando si fa sesso, sudare un po’ e sporcarsi di fluidi vari è inevitabile: se entri in una dark room dopo una certa ora, sentirai quasi sicuramente tutti questi odori concentrati. Non è comunque una buona scusa per non lavarti, anzi.

Prima di partecipare a una festa per scambisti, una bella doccia è d’obbligo. Se durante la serata hai sudato molto, rinfrescati nei bagni del locale. Molti di questi mettono a disposizione anche un bidè: se miri a ottenere del sesso orale, usalo.

Evita di bere

L’alcol riduce le inibizioni, proprio come il buio completo e l’eccitazione sessuale. Proprio per questa ragione, è meglio non sommare le tre cose: se intendi divertirti in una dark room, evita di bere più di una birra o un cocktail.

La mancanza di lucidità spinge a fare stupidaggini di cui potresti pentirti, come non usare il preservativo o non renderti conto che il partner non sta usando il preservativo. Inoltre, l’alcol rende il consenso molto più dubbio e può rivelarsi un problema anche dal punto di vista legale.

Tieni le protezioni a portata di mano

Preservativo a portata di mano
Nelle dark room, usa sempre il preservativo

Il sesso sicuro è d’obbligo, se entri in una dark room: sei in un ambiente promiscuo, nel quale non conosci nessuno (in teoria, quanto meno) e non sai nemmeno con chi stai facendo sesso. Le probabilità di contrarre una malattia sono più alte della media, anche se non ci piace pensarlo.

Molti club privè mettono a disposizione ciotole di preservativi per gli ospiti, anche dentro le dark room. Per sicurezza, portane sempre una scorta con te del tipo e della taglia che preferisci. Ricorda anche i preservativi aromatizzati e le barriere dentali per il sesso orale.

In coppia, concorda una safeword

Se entri in una dark room da solo, puoi andartene quando ti pare. Se invece entri in coppia, può essere problematico: come assicurarti di non perdere il partner in quel marasma di corpi? Prima di entrare, concordate una safeword, proprio come nel BDSM: se uno dei due si dovesse trovare in difficoltà o volesse lasciare la stanza, gli basterebbe dire la safe ad alta voce per avvertire l’altro.

La safeword torna utile anche se riuscite a rimanere insieme, per chiedere di cambiare gioco o partner in modo implicito.


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SU TELEGRAM>>>

X