banner
CuriositàSesso

Cumswapping: la pratica erotica della palla di neve

Condividi l'articolo

banner

Le vacanze invernali sono l’occasione perfetta per giocare a palle di neve e, a volte, non bisogna nemmeno andare in montagna per farlo. In questo articolo ti parlerò infatti del cumswapping, letteralmente “scambio di sborra” e meno letteralmente “palla di neve”.

Come tutte le pratiche sessuali un minimo scenografiche, anche il cumswapping deve la propria notorietà al porno. Vediamo quindi in cosa consiste di preciso e come praticarlo nella vita di tutti i giorni, anche senza registi e cameraman nelle vicinanze.

Cos’è il cumswapping o “palla di neve”

Tra snowballing e cumswapping, il secondo nome è probabilmente quello più calzante. La pratica consiste infatti nel passarsi la sborra bocca a bocca, spingendola con la lingua senza mandarla giù.

Cosa c’entra la sborra con la neve, allora? L’atto di palleggiarsi la sborra da una lingua all’altra la rende bella pastosa, simile a una pallina. E, proprio come una palla di neve che rotola giù da un pendio, la pallina di sborra cresce man mano che si mischia alla saliva.

Se vogliamo essere pignoli, alcuni professionisti del porno considerano snowballing e cumswapping due cose un pochino diverse. Snowballing è quando scambi lo sperma insieme alla persona che l’ha eiaculato. Cumswapping, invece, è quando lo scambi insieme a un’altra persona, magari qualcuno con cui state facendo sesso a tre.

Come praticare il cumswapping

Andiamo al sodo: come si fa cum swapping? Prima di tutto, è consigliabile migliorare il sapore dello sperma, dato che dovrete tenerlo in bocca per un bel po’: niente fumo, niente alcol, niente ortaggi come asparagi o cipolla. Dopodiché, ecco come proseguire.

  1. Fatti venire in bocca. Può essere la conclusione di un pompino o di una penetrazione, poco importa.
  2. Gioca con lo sperma sulla lingua, così da raccoglierlo nello stesso punto e da formare la “palla di neve”.
  3. Spingi la pallina di sperma nella bocca del partner, che dovrà a propria volta giocarci con la lingua.
  4. Ripetete finché non siete stanchi.

Più andate avanti, più aumenterà la quantità di saliva nella pallina a discapito dello sperma. Questo dovrebbe rendere il sapore meno intenso, anche se dipende molto da quello che avete mangiato e da quanto aspettate prima di “palleggiare” lo sperma nella bocca del partner.

Sembrava eccitante, ma…

L’idea di giocare con la propria stessa sborra può essere eccitante prima del sesso, ma non sempre sopravvive all’eiaculazione. Dopo aver eiaculato, quasi tutti gli uomini sperimentano il cosiddetto “periodo refrattario”, ovvero un calo improvviso dell’eccitazione che rende sgradevole anche solo l’idea di fare snowballing.

Coinvolgere una terza persona può aiutare a realizzare questa fantasia nonostante il periodo refrattario. La terza persona viene nella tua bocca o in quella del partner, affinché possiate giocare a “palle di neve” mentre siete ancora nel pieno dell’eccitazione.

In alternativa, si può giocare proprio con il disgusto causato dal periodo refrattario. Se tu e il partner avete un rapporto di dominazione e sottomissione, il dominante può “costringere” il sottomesso a giocare con la propria stessa sborra. Ovviamente, non è detto che un gioco del genere rientri nei limiti di tutti i sottomessi.

Quali sono le varianti migliori

Oltre che i succitati giochi di dominazione e il sesso a tre, esistono diverse altre varianti del cumswapping.

banner
  • Felching, quando chi ha eiaculato succhia via il proprio sperma dal culo del partner. Questa sborra può diventare la materia prima per un’appassionante battaglia a palle di neve.
  • Creampie, come il felching ma dalla vagina.
  • Facial, quando si viene in faccia alla persona che ti sta facendo il pompino o la sega. A quel punto, basta un colpo di lingua per pulire la sborra e passare al cumswapping.
  • Spitting, il kink dello sputare in faccia o in bocca al partner. Di solito si usa la saliva, ma può diventare l’anticamera per il cum swapping.

Quali sono i rischi della palla di neve

I rischi della palla di neve sono gli stessi dell’ingoio. Come visto nell’articolo dedicato al sesso sicuro, il sesso orale può essere vettore di malattie anche gravi: basta un taglietto in bocca o una gengiva sanguinante. D’altra parte, giocare con la sborra è divertente.

Se vuoi divertirti in sicurezza, ricorda sempre di testarti periodicamente e di pretendere lo stesso dai partner. Se un partner non è testato o fa sesso non protetto con altre persone, dedicati a pratiche più sicure come le “collane di perle” o il sesso con i piedi o la masturbazione reciproca. Per fortuna, ci sono davvero tante cose divertenti da fare a letto.

Come proporlo al partner

Se hai un partner fisso e fate sesso non protetto solo tra voi, il problema della sicurezza non si pone. Come proporgli il cumswapping, se non ne avete mai parlato?

  1. Guardate un porno insieme. Scegline uno nel quale si veda lo scambio di palle di neve e chiedigli se lo trova eccitante.
  2. Obbligo o verità. Giocateci e approfitta per chiedergli cosa ne pensa. Chissà che non sia l’occasione per tirare fuori dal cassetto qualche altro kink.
  3. Gioca con la sborra dopo il pompino, possibilmente a bocca aperta, facendogli vedere la “palla di neve”.

Se invece non hai un partner, non ti crucciare: esistono tanti siti di appuntamenti dove conoscere persone nuove, desiderose di sperimentare quanto te. Buttati!

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *