banner
Guide

Culo Perfetto: come ottenere un bel sedere

Condividi l'articolo

banner

Dicesi “culo perfetto” un culo così sodo da spaccare le noci, di forma tonda, senza cellulite né altri inestetismi. Insomma, un sedere che molte di noi hanno (forse) avuto solo a vent’anni.

In questo articolo ti spiegherò come ottenere un bel sedere senza ricorrere al bisturi, nei limiti del possibile. Perché sì, qualche limitazione è inevitabile.

Culo perfetto, cosa puoi cambiare e cosa no del tuo sedere

Prima di passare alle regole da seguire per migliorare il tuo culo, è il caso di vedere ciò che non puoi cambiare. Perché va detto: non tutto dipende dallo stile di vita e, per quanto ti possa mettere d’impegno, ci sono cose che non puoi cambiare.

Ecco cosa.

  1. Cellulite. La sedentarietà e la cattiva alimentazione peggiorano la cellulite, ma non è detto che la causino. Senza entrare nei dettagli, la cellulite è quasi sempre causata da fattori genetici ed ormonali. La si può ridurre e rendere molto meno antiestetica, ma è difficile farla sparire del tutto.
  2. Forma. In questo articolo ti spiegherò come ottenere un culo da urlo, ma la sostanza rimarrà quella che ti ha fornito Madre Natura. Un bel culo a panettone non diventerà mai un culettino piccolo e poco sporgente.
  3. Hip dips. I fianchi a violino – “hip dips” per dirla all’inglese – sono causati dalla conformazione del bacino: non si possono eliminare, ma solo attenuare.

Culo perfetto? Ecco gli esercizi per alzare e modellare i glutei

Sai qual è l’errore più comune delle donne in palestra? Puntare tutto sul “cardio”. Fare esercizio aerobico è importante: fa bene al cuore, aumenta il fiato, fa bruciare massa grassa, ecc. Se però vuoi modellare il sedere (e non solo, anche le tette ad esempio), ti servono anche gli esercizi muscolari.

Per modellare i glutei devi stimolare le fasce muscolari che li compongono, il grande gluteo in primis. Ciò significa non solo camminare e fare gli esercizi che vedremo, ma anche usare dei carichi che mettano i muscoli sotto sforzo. All’inizio potrebbe bastare il peso corporeo; andando avanti, avrai sicuramente bisogno di pesi.

Vediamo quali sono gli esercizi principali per ottenere un culo perfetto.

1. Squat

Come modellare il sedere con lo squat

Gli squat sono un grande classico dell’allenamento, soprattutto grazie alle tante variabili disponibili. A partire dalla stessa base, puoi usare gli squat per allenare tutte le fasce muscolari dei glutei, per allenare le gambe e perfino per allenare gli addominali.

  1. In piedi, gambe larghe e ginocchia morbide. Tieni gli addominali contratti, per sostenere meglio la schiena.
  2. Piega le gambe spostando il peso del bacino all’indietro. La schiena dev’essere una linea dritta: se stai spingendo i lombari verso l’ombelico, stai sbagliando.
  3. Risali mantenendo gli addominali contratti, senza però raddrizzare del tutto le ginocchia.

Se non hai esperienza con gli squat e vai in palestra, aiutati usando un bilanciere guidato, ovvero un bilanciere che può andare solo su e giù. Puoi usarlo anche da scarico, tenendo il bilanciere sulle spalle: non farti intimidire dagli omoni che lo caricano con chili e chili di ghisa.

banner

2. Affondi in camminata e sul posto

  1. Contrai gli addominali e allarga un pochino le gambe.
  2. Fai un lungo passo in avanti.
  3. Piega il ginocchio frontale fino a formare un angolo di 90°; dovresti riuscire a vederti la punta del piede. Il ginocchio posteriore non dovrebbe toccare terra.
  4. Sollevati facendo forza sul tallone frontale.
  5. Ripeti.

Gli affondi sono versatili quanto gli squat: puoi farli camminando avanti e indietro per la stanza, rimanendo sul posto, caricandoti con dei manubri o legando dei pesi alle caviglie, con o senza step… Scegli la versione che preferisci.

3. Ponte

  1. Sdraiati a terra con le ginocchia piegate e i piedi paralleli tra loro.
  2. Contrai gli addominali finché i lombari non sfiorano terra.
  3. Solleva i glutei tenendo la parte alta della schiena a terra. Dovresti sentire solo i glutei e il retro delle cosce.
  4. Riabbassa i glutei senza poggiarli del tutto a terra.
  5. Ripeti.

Dopo esserti abituata al ponte tradizionale, prova ad eseguirlo con un peso poggiato sul pube. Un’ottima variante consiste nel poggiare una gamba sull’altra, così da allenare un gluteo alla volta.

4. Stacchi rumeni

Come ottenere un culo perfetto con lo stacco rumeno
  1. Contrai gli addominali, tira indietro il bacino e mantieni le spalle belle larghe.
  2. Piega le ginocchia come se ti volessi sedere e, allo stesso tempo, piega il busto in avanti mantenendo la schiena dritta.
  3. Raddrizzati e ripeti.

Se fatti bene, gli stacchi rumeni coinvolgono solo glutei e retro delle cosce. Se ti fa male la schiena o pieghi le spalle in avanti, significa che stai usando un carico troppo alto.

Culo perfetto, la dieta

In realtà, c’è molto poco da dire su come mangiare per avere un culo perfetto:

  • riduci grassi e zuccheri;
  • riduci l’alcol;
  • usa poco sale;
  • mangia tanta frutta e verdura;
  • preferisci i cereali integrali a quelli raffinati;
  • mangia il giusto;
  • bevi tanto.

In parole povere, ti basta seguire i consigli di un qualsiasi nutrizionista ed evitare gli eccessi.

Le diete ricche di grassi e zuccheri, infatti, peggiorano il microcircolo e aumentano l’accumulo di liquidi e grasso. Liquidi e grasso che si trasformano in rotolini e in cellulite, se lasciati prosperare senza controllo.

Al contrario, mangiare alimenti poveri di calorie e bere tanto aiuta ad espellere l’acqua in eccesso, riducendo la ritenzione idrica e la cellulite. Lo stesso vale per i cereali integrali: la stitichezza è una delle cause principali di ritenzione idrica; mangiare tante fibre aiuta ad andare in bagno e a combattere il fenomeno.

Cosa fare con un culo da sogno?

Quello che vuoi! Avere un bel sedere è una bella soddisfazione personale, specie se sei una persona adulta. Volendo, però, puoi decidere di condividere questa soddisfazione con altri.

Scopri i migliori siti di appuntamenti e le migliori videochat: sarebbe un peccato tenere per te tutto quel lavoro fatto, no?

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *