banner

Come si Mette il Pene nella Vagina

Condividi l'articolo

banner

Sei qui perché vuoi sapere come si mette il pene nella vagina. Probabilmente sei un adolescente alle prime armi o un adulto che sta approcciando al mondo del sesso per la prima volta cercando di evitare di commettere errori durante la prima fase di penetrazione. Forse ti sarà capitato di avere difficoltà ad introdurre il pene all’interno della vagina, o di creare involontariamente un senso di attrito e dolore dovuta ad una scarsa lubrificazione. Qualunque sia la tua situazione sappi che con un po’ di esperienza potrai ottenere ottimi risultati.

Voglio semplicemente dire che non devi preoccuparti. Basta prendere confidenza con entrambi gli organi e seguire una certa procedura per ottenere una penetrazione vaginale profonda e molto soddisfacente. Anche se l’approccio non è andato come speravi, c’è da dire che l’esperienza in questo contesto fa tanto. E più ti troverai a rivivere questa situazione, maggiore sarà la tua predisposizione e il controllo.

Dunque, non bisogna allarmarsi se il pene la prima volta non entra. È una cosa del tutto normale, e non bisogna spaventarsi e immaginare ben altro. Probabilmente non eri pronto, e non solo fisicamente ma anche mentalmente. Con questo voglio sottolineare che per il sesso vaginale, e dunque la penetrazione, deve coinvolgere e stimolare anche il resto del corpo. Ed in modo particolare la mente provocando una naturale lubrificazione che permetterà una facile, liscia e bagnata penetrazione. Alla luce di quanto detto, andiamo avanti per scoprire come si mette il pene nella vagina.

Cosa sapere prima di penetrare la vagina

pene in vagina

Avere un’idea precisa della anatomia degli organi genitali è un buon punto di partenza per evitare difficoltà durante l’introduzione del pene in vagina. Infatti, è importante sottolineare che la vagina non è perpendicolare al corpo e per questo conoscerne la direzione diventa indispensabile. Così da dirigere il pene nella vagina in maniera corretta durante la penetrazione. È importante sapere anche che il pene in erezione non risulta mai tangenziale al corpo.

Dunque, per evitare di far sentire dolore alla partner e far provare godimento durante l’atto sessuale, bisogna favorire le conformazioni corporee. Bisogna pensare al pene che entra nella vagina come se quest’ultima fosse un guanto. Da infilare appunto dall’alto verso il basso. Iniziando con la massima inclinazione del corpo femminile per poi variare l’angolo di questa fino a farle assumere la posizione desiderata.

In pratica, devi considerare la vagina come se fosse un sacchetto vuoto ed elastico, in grado di modificarsi in maniera incredibile. Durante l’eccitazione e la penetrazione, il canale vaginale infatti si trasforma, e questa parte del corpo femminile permette di raggiungere un piacere intenso. La vagina si trova nella parte interna del tratto genitale femminile, e la vulva fuori, dove si trovano labbra e l’uretra. A collegare la vulva alla cervice è il canale vaginale, ed è qui che penetra il pene durante il sesso.

La zona è in assoluto la più calda rispetto al resto del corpo e ha una temperatura molto elevata, ma è anche umida, condizione data dalle ghiandole di Bartolini situate all’ingresso della vagina. La loro funzione è correlata all’attività sessuale. Durante la fase di eccitazione femminile queste ghiandole secernono un liquido chiaro e viscoso, che funge da lubrificante e rende più agevole il passaggio del pene nel canale vaginale. La lubrificazione è maggiore se l’eccitazione è intensa ed è in pratica la risposta del corpo della donna che si prepara alla penetrazione.

Consigli pratici per ottenere una buona penetrazione vaginale

Ecco una breve lista di cose da fare in modo che tu possa mettere il pene nella vagina senza problemi generando piacere, eccitazione e goduria:

Falla bagnare: assicurati che lei sia bagnata, quindi gioca con i preliminari facendola eccitare. Aumenta la lubrificazione utilizzando la tua saliva che potrai applicare sulle dita, sul pene e sulla vagina in modo da migliorare la penetrazione.

Ottieni una buona erezione: non correre, e non preoccuparti di penetrarla subito, piuttosto rilassati e lascia fluire l’energia dell’eros in modo da ottenere una naturale erezione consolidata dalla voglia che crescerà sempre più. Vedrai che la penetrazione avverrà in modo naturale senza forzatura.

Posizioni migliori per penetrarla: una buona penetrazione ha molto a che vedere con l’armonia, il feeling e l’intesa sessuale di entrambi. Quindi non impazzire nel cercare posizioni complesse, piuttosto incomincia con 2 semplici posizioni. Il missionario e la pecorina. Vedrai che tutto filerà liscio.

Non forzare: se dovessi percepire attrito, non spingere e non forzare. Piuttosto, concentrati nel bagnarla. Ricorda, il pene deve scivolare in modo naturale. Solo quando sarà entrato tutto in modo naturale senza alcun attrito potrai fare sesso e scoparla a dovere.

Preliminari prima della penetrazione

I preliminari non vanno mai sottovalutati e sono fondamentali prima di un rapporto sessuale. I baci, le carezze, le leccatine e giochi hot sono molto importanti e fanno parte dell’amore, ma soprattutto permettono di scoprire meglio il corpo del partner e le sue reazioni. Con i preliminari si rafforza l’intesa fra i partner, si instaura una certa complicità e si impara a capire meglio cosa fare per far eccitare l’altro.

Approfondire l’intimità con i preliminari favorisce un migliore approccio della penetrazione. Quindi bisogna dare spazio ai massaggi erotici. Baci languidi, accompagnati da frasi sussurrate, gemiti, che coinvolgono tutto l’essere, fino a prendere anche la mente. L’eccitazione massima l’avrete proprio quando vi lascerete completamente andare e darete sfogo alle vostre fantasie erotiche. Facendovi guidare dalle sensazioni che proverete di volta in volta.

Come mettere il pene nella vagina

come mettere il pene nella vagina

Come hai ben compreso, i preliminari sono molto importanti per agevolare la penetrazione e rendere la vagina più facile da attraversare. Per favorire meglio la penetrazione, soprattutto perché fa male la prima volta, se non si esegue correttamente la pratica, puoi anche ricorrere alle dita. Proprio così, le dita sono un ottimo strumento da sfruttare per preparare la vagina come si deve, ancor prima della penetrazione. Questa soluzione è indicata in modo particolare per gli adolescenti, che sono alle prime armi e non hanno esperienza di controllo sul pene.

Mettendo le dita in vagina viene favorita la lubrificazione vaginale e l’eccitazione di entrambi i partner. Entrambe le condizioni sono necessarie per scaldare i corpi e giungere pronti al momento della penetrazione. Gli adolescenti devono usare questo sistema per far distendere l’imene e contemporaneamente stimolare il clitoride. Dopo aver usato per alcune volte le dita si può fare la penetrazione, ma prima è consigliabile adoperarle per raggiungere l’orgasmo.

Successivamente, è importante ricordare che il pene deve mantenersi in erezione tanto quanto basta per giungere alla penetrazione senza afflosciare. Così da riempire adeguatamente la vagina, che sotto la spinta si modifica, si allarga e si allunga. Devi sapere che la vagina misura da 7 a 10 centimetri, variabile in base al biotipo di donna e che la lunghezza differisce in base alle dimensioni del pene durante la penetrazione. Per non causare lesioni o lacerazioni della vagina la lunghezza del pene deve essere proporzionale, quindi bisogna spingere con lentezza e provare a poco a poco sin dove può arrivare, così da farla allungare senza causare danni.

Le dita puoi metterle anche nell’ano, e contemporaneamente in vagina, così da intensificare l’eccitazione. Calibrando i momenti, a seconda se si vuole far raggiungere l’orgasmo prima o dopo la penetrazione. Con le dita, sempre agendo delicatamente, puoi fare spazio nella vagina per far entrare meglio il pene. Nel momento in cui lo metterai dentro i muscoli vaginali cominciano a contrarsi in maniera ritmica per trattenerlo all’interno durante il rapporto sessuale. Per comprendere al meglio i movimenti da eseguire ecco cosa devi fare quando è giunto il momento di entrare in vagina:

Quando ti senti pronto per la penetrazione inizia lentamente, introducendo solo la punta del pene dentro la vagina. Cerca di capire quanto ti piace la sensazione che avverti.

Se ti piace fai in modo di entrare un po’ di più, evitando di andare in fondo.

Se noti che fa male lubrifica il pene con la saliva oppure con della vaselina.

Procedi lentamente per creare nella partner ancora più eccitazione.

Continua ad andare un po’ più a fondo e sperimenta un ritmo più veloce.

Se ti accorgi che la vagina risponde bene ai tuoi stimoli continua e dai il massimo.

Entrambi dovete essere molto eccitati per far funzionare tutto alla perfezione, ma capita che la prima volta qualcosa non vada. Non bisogna scoraggiarsi, ma fare tesoro delle esperienze precedenti per migliorare le successive. Ricorda che per avere un rapporto sessuale completo il pene deve entrare nella vagina. Affinché la penetrazione avvenga in modo facile e semplice è importante che questa sia adeguatamente lubrificata e che il pene sia in ottima erezione.

banner

Bisogna sottolineare che l’orgasmo spesso non arriva nello stesso momento per l’uomo e per la donna. Anzi solitamente è l’uomo a raggiungere per primo il piacere, mentre la donna ha bisogno di una stimolazione più lunga e adeguata per arrivare al momento clou. Per questo motivo i preliminari per lei sono molto importanti. Il pene si affloscia subito dopo il raggiungimento dell’orgasmo e dell’eiaculazione, due momenti che nell’uomo coincidono. Mentre la vagina ritorna alle condizioni normali solo dopo circa quindici minuti dal momento dell’orgasmo.

Il pene nella vagina entra meglio se questa è lubrificata

Una penetrazione vaginale difficile la si può rendere più semplice usando un lubrificante adeguato. Così da rendere l’esperienza del sesso ancora più soddisfacente. Il lubrificante è un prodotto largamente usato nel sesso, non è imbarazzante e aiuta a garantire il comfort dei partner.

Quando da sola la lubrificazione della vagina non basta per consentire una penetrazione piacevole, a prescindere che siate adolescenti o adulti alle prese con la vostra prima volta, scegliete quindi un buon lubrificante. È utile per lubrificare pene e vagina, e va bene anche sulle mani prima di mettere le dita all’interno dell’organo femminile.

Il contatto del liquido favorirà lo scivolamento ottimale del pene in vagina ed entrambi si adatteranno perfettamente. Questi prodotti sono molto utili per il rapporto quando la secchezza o l’eccessiva contrazione della vagina non consentono di svolgere un rapporto sessuale sereno e senza dolore. I motivi per usare un lubrificane durante il sesso sono tanti, come:

  • Favorisce il passaggio dai preliminari al rapporto sessuale vero e proprio
  • Migliora l’intensità dei preliminari e li rende ancora più eccitanti
  • Rende più confortevole il sesso, soprattutto per chi è in menopausa e soffre di secchezza vaginale. È anche utile per le donne giovani, che durante le fase del ciclo possono essere più secche e lubrificano meno, un fattore del tutto naturale
  • È possibile usare il gel lubrificante anche con i sex toys per rendere più piacevole i preliminari o la masturbazione

Lubrificante intimo a base di acqua

In modo particolare il lubrificante è utile quando si fa sesso per la prima volta. E si ha paura di sentire dolore. Spesso capita infatti di avvertire più dolore che piacere, e nella maggior parte dei casi la prima volta è un disastro. Occorre pratica per individuare il momento giusto della penetrazione. Ed esperienza nell’eseguire il movimento ritmico che, in un contesto di alta eccitazione, produce il piacere tanto agognato.

Ad ogni modo, il piacere e la soddisfazione di entrambi i partner dipendono proprio dalla spinta ritmica del pene in vagina. Il movimento stimola il membro maschile mentre sfrega sulle pareti della vagina. La pressione esercitata sul clitoride o sul punto G della donna producono l’orgasmo. I passaggi devono dunque essere eseguiti bene per garantirsi un buon rapporto sessuale. Tutto riveste importanza, anche i preliminari e il lubrificante, perché ognuno contribuisce ad alzare il tasso di eccitazione.

C’è sempre dolore durante la penetrazione?

Pare che siano molte le donne che provano dolore durante la penetrazione. E non sono da meno gli uomini quando non riescono a far entrare il pene nella vagina. Quando si avverte dolore i partner devono confessarlo e trovare la soluzione per eliminarlo. Altrimenti nessuno dei due riuscirà a raggiungere alcun appagamento dal rapporto sessuale. Il dolore della penetrazione crea disagio, sofferenza e impedisce di rilassarsi e godersi i momenti erotici.

Sia la donna che l’uomo devono quindi palesare il dolore, evitando di insistere, il che contribuirebbe solo ad aumentare il disagio e la sofferenza. A volte il dolore può essere dovuto a fattori psicologici. La timidezza o i tabù possono rendere la situazione più difficile.

Oppure può trattarsi di problemi di natura fisica. Infatti non è raro che il vaginismo sia originato dalla contrazione involontaria dei muscoli perivaginali che impedisce una penetrazione piacevole. La contrazione è involontaria e i muscoli si contraggono senza che la donna lo faccia consapevolmente. Dietro questo fenomeno c’è quasi sempre una motivazione psichica.

Dal canto suo, l’uomo che si accinge ad avere un rapporto sessuale, troverà difficoltà nella penetrazione. E se non sarà in grado di aiutare la partner ad affrontare la situazione possono insorgere incomprensioni e litigi. Non solo, soprattutto gli adolescenti possono avere ulteriori timori sulla penetrazione. E se fanno il calcolo sulla lunghezza del pene e quella della vagina, potrebbero non trovare corrispondenza. In effetti, se anche tu sei un adolescente, sicuramente ti starai chiedendo come può un pene di circa 15 cm entrare in una vagina lunga 7 cm senza causare dolore.

A questo proposito bisogna sottolineare ancora una volta che la vagina ha una grande capacità, quella di potersi dilatare. Proprio al pari di un elastico, e non solo in larghezza, ma anche in lunghezza. La sua incredibile elasticità le consente di accogliere il pene nelle dimensioni che ha senza alcun problema, anche se è più grosso e lungo. Detto questo, bisogna ricordare che oltre che accogliere peni di 15 cm, la vagina può anche dilatarsi e prendere dentro senza difficoltà anche peni di oltre 20 cm. Di cui molti uomini ne sono dotati.

Come detto in precedenza, quello che conta è sapere come introdurre il pene in vagina, e nei casi in cui il primo è più grosso e più lungo bisogna agire con attenzione e delicatezza per evitare lesioni. Agendo lentamente e con la dovuta cura per le pareti della vagina, non succede nulla. A volte può anche capitare che durante la penetrazione rimanga fuori dalla vagina una piccola parte del pene, ma questo tuttavia non impedisce di avere un rapporto sessuale soddisfacente. Entrambi i partner possono raggiungere l’orgasmo senza alcuna difficoltà.

Allo scopo di ridurre i rischi del dolore che può causare la penetrazione, se non fatta bene, come sottolineato nel caso dei preliminari e dell’uso del lubrificante, è importante ricordare che entrambe le cose hanno effetti sorprendenti nel distendere la vagina e nel favorire l’ingresso del pene al suo interno. Il fatto che si tratti della prima volta non deve dunque mettere in allarme e non deve far desistere dall’avere un rapporto sessuale. Rifacendo sesso più volte, acquisterai la giusta esperienza per far durare il rapporto ancora di più e ottenere una penetrazione senza alcun dolore che vi farà godere entrambi ogni volta con maggiore intensità.

Provare con i sexy toys può essere una soluzione

sex toy a forma di vagina

Se vuoi esercitarti prima di fare l’esperienza diretta di mettere il pene nella vagina puoi ricorrere ad un sex toy che imita la vagina per fare delle prove. Esistono infatti una serie di sex toys per gli uomini creati apposta per dare loro la sensazione di penetrare la vagina.

Più che per gli adolescenti, può essere una soluzione ideale per uomini adulti che sono alle prese con la loro prima esperienza sessuale e vogliono capire come comportarsi quando si troveranno di fronte alla partner. Negli ultimi anni c’è stata una vera e propria rivoluzione dei sex toys maschili, e la loro evoluzione ha contribuito a diffonderli ancora di più.

Il sexy toy che imita la vagina riproduce perfettamente questa parte del corpo e l’uso di materiali adeguati permette di percepire le sensazioni come se si stesse penetrando dal vero. Questi masturbatori sono realizzati con materiale molto elastico, solitamente silicone, che permette di farli adattare a tutte le dimensioni di pene, ed imitano in modo molto naturale l’organo sessuale femminile.

Il giocattolo si presenta stretto all’interno e basta introdurre il pene per assicurarsi le migliori sensazioni. L’effetto è quello di una vagina stretta che si allarga all’ingresso del pene ed è abbastanza realistico. Ovviamente non è detto che debba averne bisogno, e se segui in consigli che ti ho dato in precedenza puoi introdurre il pene in vagina senza alcuna difficoltà e sperimentare le penetrazioni direttamente con la partner, godendoti ogni istante del rapporto fino a raggiungere l’orgasmo.

Conclusioni

Ora che hai delle nozioni in più sull’argomento “come mettere il pene in vagina”, fai pure le tue esperienze in modo naturale e disinibito. Ricorda che l’unico errore e quello di cadere in forzature. Sii sempre attento ai segnali del corpo e comunica sempre con la partner per avere il controllo della situazione. Vedrai che tutto andrà nel verso giusto.


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *