banner

Come Perdere la Verginità Senza Dolore

Condividi l'articolo

banner

Spesso il momento di perdere la verginità è vissuto con ansia e timore dalle ragazze, perché temono di provare un forte dolore. In realtà seguendo i giusti consigli è possibile vivere al meglio questa esperienza, attenuando al massimo qualunque disagio. Ho scritto questo articolo proprio per suggerirti come affrontare la prima volta nel modo migliore e più indolore possibile e ti consiglio di leggerlo con attenzione se senti che quel momento sta per arrivare.

Tutto ciò che devi sapere sulla verginità

Perché fa male perdere la verginità

Avrai già sentito parlare dell’imene. Si tratta di una sottile membrana posizionata all’imboccatura della vagina, che serve a proteggerla dai corpi estranei. Molto spesso l’imene si rompe già prima di avere un rapporto sessuale: questo può capitare con la masturbazione, facendo dei movimenti particolari, durante lo sport, a causa di una caduta o in altri modi. Se al momento di perdere la verginità hai ancora l’imene intatto, questo si romperà causando un leggero dolore e una perdita di sangue.

In realtà il dolore della prima volta non proviene dalla rottura dell’imene bensì da una condizione di rigidità che rende la tua muscolatura interna più dura del solito. È comprensibile essere nervose la prima volta, quindi non sentirti “strana” se non sei rilassata: è così per quasi tutte le donne. E comunque…

Non è vero che è sempre doloroso

Se può tranquillizzarti, pensa che non è affatto detto che proverai dolore. Ogni persona è diversa, così come diverse sono le sue reazioni: moltissime ragazze non avvertono nessuna sensazione dolorosa mentre perdono la verginità. Non trascuriamo però un “dettaglio” fondamentale, ovvero le dimensioni del pene. Comprensibilmente se il tuo partner ha un membro particolarmente largo, rigido e lungo dovrai prestare maggiore attenzione alla lubrificazione, come vedremo dopo. La tua vagina non sarà ancora elastica e allenata, quindi l’attrito del pene sarà sicuramente maggiore durante la prima volta.

L’importanza del partner giusto

perdere verginità

Quante volte hai sentito la frase “la prima volta fallo con quello giusto”? La saggezza popolare spesso dice il vero, nel senso che questa esperienza importante e delicata sicuramente è meglio farla con un partner attento, premuroso, intelligente e verso il quale provi una sincera attrazione.

banner

Primo, perché in questo caso il momento sarà per te talmente romantico ed eccitante da far passare in secondo piano qualsiasi timore.

Secondo, perché un ragazzo rude, troppo inesperto, egoista, potrebbe ignorare le tue richieste e preoccuparsi esclusivamente del suo piacere, senza ascoltare le tue preoccupazioni.

Come perdere la verginità senza dolore

perdere la verginità
  1. Usa un lubrificante. In generale questa regola vale per tutti i rapporti sessuali, e quando si tratta della prima volta, diventa particolarmente importante. Il lubrificante modera l’attrito del pene e quindi rende molto più agevole la penetrazione senza sforzo. Non usare lubrificanti a base d’olio che potrebbero danneggiare il preservativo, ma usa invece un modello a base d’acqua o siliconica.

  2. Evviva i preliminari. Fare dei lunghi preliminari prima del rapporto vero e proprio favorirà la confidenza tra voi due, aumenterà il piacere e stimolerà la tua lubrificazione naturale. Non solo, devi sapere che in alcuni casi durante i preliminari può avvenire la lacerazione dell’imene grazie a delle spinte che possono essere causate dalle dita o da oggetti come i sex toys.

  3. Trova il verso giusto. Nessuna donna è uguale, e questo vale anche per il “verso “della vagina. Sicuramente conosci già il tuo grado di inclinazione naturale, che avrai sperimentato semplicemente con l’inserimento di un dito o di un tampone interno. Ecco, arrivati al momento cruciale assicurati di indirizzare il tuo partner nel modo giusto, inclinando il bacino, per introdurre il pene nel modo più naturale possibile.

  4. Non c’è fretta. Il tuo ragazzo dovrà inserire il pene piano, con calma, in maniera graduale. Se cerca di accelerare il ritmo quando ancora non ti senti pronta, diglielo e fallo fermare, per poi farlo riprendere quando ti sentirai più tranquilla. Tieni conto che se anche per lui è la prima volta è meglio che sia tu a guidare il gioco senza paura di apparire autoritaria.

  5. Evita l’ansia. Essere troppo tese accresce l’irrigidimento e una contrazione muscolare. Questo rende il rapporto più difficile. Per questo cerca di affrontare questa prova nel modo più rilassato possibile. Concentrati più sul tuo piacere e sulla complicità verso il partner che sull’aspettativa di provare dolore. Se ti senti troppo nervosa fermatevi pure, continuate con i preliminari e decidi tu quando ti senterai abbastanza pronta per andare avanti.

  6. Comunica. Se stai accusando dolore, non vivere in modo solitario le tue sensazioni. Rendi partecipe il tuo partner dandogli indicazioni su come farti meno male. Guidalo con la voce dicendo: “rallenta, aumenta il ritmo, cambia inclinazione, fermati”. Non aver paura di dirgli come preferisci procedere, specie se anche lui è alla prima esperienza. Poi con la pratica imparerete ad acquistare maggiore sintonia tra voi.

Come vivere bene la prima volta

Quando una donna pensa alla sua prima volta quasi sempre il ricordo non è entusiasmante. Vuoi per l’inesperienza di entrambi, vuoi perché la preoccupazione non consente di provare veramente piacere. Perdere la verginità sembra più una tappa da superare che un momento di godimento. Non avere quindi aspettative troppo alte su questo momento speciale, ma almeno cerca di affrontarlo in maniera intelligente facendo di tutto per viverlo in maniera indolore. La cosa più importante è quella di sentirti vicina al tuo partner e di poter trovare in lui comprensione e conforto.

Anche se le tue amiche possono confonderti con i loro racconti e le loro vanterie, non esiste un’età giusta entro la quale devi farlo per forza. Sentiti libera di aspettare fino a che non sentirai l’esigenza di voler avere davvero il tuo primo rapporto sessuale. E non lasciarti mettere fretta neanche dal tuo ragazzo, che comprensibilmente cercherà con insistenza di accelerare i tempi: sei solo tu che devi stabilire quando è arrivato il momento giusto per farlo.

Direi che ora hai tutte le informazioni utili per farti un’idea precisa di come sarà la tua prima volta. Non preoccuparti troppo del dolore, ma più che altro cerca di farlo nel modo più confortevole e in una situazione che non ti dispiacerà poi ricordare anche a distanza di anni, perché il ricordo che ti porterai dietro per sempre non sarà legato alla “performance” ma a come hai vissuto emotivamente quel momento.


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SU TELEGRAM>>>

X