banner

Come Dominare un Uomo a Letto e (Farlo) Godere

Condividi l'articolo

banner

Quando si parla di BDSM, nell’immaginario comune si parla di dominazione maschile. Basti vedere “Cinquanta sfumature di grigio” e i suoi emuli. La realtà dei fatti è diversa: moltissime donne sognano di dominare un uomo a letto e, a propria volta, moltissimi uomini sognano di farsi dominare.

In questo articolo voglio spiegarti come dominare un uomo, ovviamente sempre in modo Sano Sicuro e Consensuale.

Cos’è il femdom, la dominazione femminile su uomo

Il femdom è una insieme di pratiche BDSM nelle quali una o più donne dominano un uomo. Nonostante il BDSM sia in generale unisex, ci sono pratiche tipiche di questo tipo di dominazione. Alcune di queste giocano sulle differenze fisiche tra uomo e donna, mentre altre sovvertono gli stereotipi di genere più tipici.

Ricordiamo che le donne tendono ad essere più piccole e deboli degli uomini, sul piano puramente fisico. Per questa ragione, è quanto meno più difficile (anche se non impossibile) che una donna riesca a dominare un uomo con la pura forza. Basti pensare alle pratiche primal, ad esempio: una “cacciatrice” potrebbe avere qualche difficoltà a sottomettere una “preda” pesante il doppio di lei.

Meno male che il BDSM è ampio e sfaccettato!

Molte pratiche femdom mirano a rendere il sottomesso più piccolo, per così dire. Alcune volte in modo solo metaforico, costringendolo a degradarsi per conquistare le attenzioni della sua Mistress. Altre volte anche su un piano fisico, colpendolo nella sua virilità e rendendolo (temporaneamente) impotente.

Primi passi per dominare un uomo a letto

Prima di addentrarmi in alcune tipiche pratiche femdom, vediamo qualche modo basilare per iniziare a dominare un uomo a letto. Se lo desideri, puoi limitarti a queste e goderti il brivido di potere che regalano. Altrimenti, puoi usarle come introduzione a pratiche più estreme.

Un primo passo per prendere le redini a letto è usare il sesso orale, sia dandolo sia ricevendolo.

Quando ti fai praticare sesso orale, sei tu a guidare il gioco: indica i punti migliori, dai istruzioni sul ritmo e su come stimolarti. In questo modo testi quanto gli piace ricevere ordini e, particolare da non sottovalutare, spieghi al partner qual è il modo migliore per darti piacere. Il passo successivo è sederti sulla sua faccia, ma forse è il caso di accennare alla cosa prima di farlo.

Praticare sesso orale viene invece visto come qualcosa da sottomesso, il che è falso: puoi tenere le redini anche con i suoi genitali in bocca. In questo caso, ordinagli di non muoversi o addirittura legagli le mani. A questo punto usa la bocca per portarlo sull’orlo dell’orgasmo più volte, per tutto il tempo che vuoi (o che riesce a resistere).

Usa questi semplici principi anche per il sesso vaginale o anale. Se la risposta è buona, puoi pensare di passare ad altro.

Tipiche pratiche BDSM di dominazione su uomo

coma dominare un uomo a letto

Se il tuo uomo ha voglia di farsi dominare, ci sono delle pratiche tipiche del femdom. Partirò da quella più basilare e semplice per arrivare a quella più estrema, che richiede quindi una certa preparazione.

1. Adorazione dei piedi

Come visto nell’articolo su come fare sesso con i piedi, non è detto che un feticista dei piedi sia anche un sottomesso. D’altra parte, tanti uomini sottomessi amano adorare i piedi della propria Mistress, il che non sorprende.

L’atto di mettersi ai piedi di qualcuno ha già di per sé una forte carica di sottomissione. Se poi la persona in questione ti ordina anche di leccarle le estremità, l’effetto è ancora più forte. Di conseguenza, l’adorazione dei piedi è la pratica femdom per eccellenza e la migliore da cui partire.

banner

Un modo soft per iniziare è farti massaggiare i piedi. Da lì puoi proseguire ordinando al partner di baciarli e leccarli, fino a penetrargli la bocca con il piede. Alcuni uomini amano anche pulire le scarpe della Mistress con la lingua, ma meglio fare attenzione: non si sa mai cosa ci può finire sopra.

2. Pegging

Il pegging consiste nel penetrare un uomo con uno strapon, ovvero un pene finto da legarsi sull’inguine. Non è una pratica legata necessariamente al BDSM, ma molti uomini vivono la penetrazione come un atto di sottomissione. Inoltre è una specie di scambio di ruoli, dove la donna fa l’uomo e l’uomo fa la donna.

Le regole essenziali del pegging sono le stesse del sesso anale: tanto lubrificante e una buona preparazione, sia con le dita sia con sex toys. Dato che lo strapon non ha sensibilità, devi prestare un po’ di attenzione in più rispetto a quando usi le dita. Ascolta molto il partner e, nel dubbio, rallenta o fermati.

3. Femminilizzazione forzata e “sissificazione”

Questa pratica va molto d’accordo con il pegging e potrebbe essere un modo per dargli un tocco in più. Nella femminilizzazione “costringi” il partner a vestirsi da donna e a sottomettersi a te. Nella sissificazione, invece, il sottomesso interpreta il ruolo di una cameriera.

In entrambi i casi l’obbiettivo è strappare la virilità al sottomesso e trasformarlo nella brutta copia di una donna. Da questo punto puoi andare avanti “approfittando” sessualmente di lui, puoi costringerlo a pulirti casa o anche umiliarlo. Attenzione, però, perché quest’ultima pratica può essere problematica.

4. Umiliazione

In apparenza è una pratica innocua, dato che non prevede alcun contatto fisico. In realtà può fare molto più male di una frustata, anche se a un livello invisibile. Ecco perché lo sistemata in penultima posizione.

Il nome è esplicativo: alcune persone godono nel farsi umiliare verbalmente e non solo. Nel caso del femdom, uno scenario tipico prevede il sottomesso trattato e definito come una nullità da una o più donne. Queste umiliazioni possono toccare anche l’aspetto fisico dell’uomo (pancetta, peli, mancanza di muscoli…) o addirittura la sua virilità.

Prima di provare una cosa del genere, ricorda che non tutti i sottomessi amano essere umiliati. Lo scopo finale è comunque divertirsi in due, non far stare male il partner. Tasta quindi il terreno ed evita sempre argomenti che potrebbero ferirlo davvero.

5. Cock and ball torture

Chiudo con un gruppo di pratiche che rendono letteralmente impotente l’uomo sottomesso, anche se solo per il tempo della sessione. Si spera, quanto meno: data la loro delicatezza, i genitali andrebbero sempre trattati con attenzione. Prima di procedere, informati bene.

Una forma molto basilare di tortura del pene prevede uno spazzolino a setole morbide e tanto lubrificante: porti il pene in erezione, lubrifichi il glande e lo spazzoli con delicatezza. Dopo un po’ lo stimolo diventa quasi insopportabile.

Se te la senti di andare un po’ oltre, puoi usare un humbler. Il sottomesso si mette a quattro zampe e l’humbler, che altro non è che una pressa di legno o plastica, viene messo poco sopra i testicoli. Il bello è che la pressa (e i testicoli con lei) è fissata sul retro delle cosce: se il sottomesso prova ad alzarsi, il dispositivo tira i testicoli all’indietro e costringe il poverino a rimettersi in ginocchio.

Da qui il nome “humbler”, traducibile come “umilizzatore” o qualcosa del genere.

Conclusioni

Si potrebbe scrivere un libro su come dominare un uomo a letto, ma credo di averti dato quanto meno un’infarinatura. Adesso non ti resta che provare con il tuo lui o in alternativa cercare un partner, magari approfittando di un sito di appuntamenti, e passare all’azione.


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *