banner
Coppia Cuckold
BDSMCuckold

Chi è il Cuckold?

Condividi l'articolo

banner

Chi è il cuckold? Il Cuckold fa parte di una coppia dove lui gode nell’essere cornuto, ed ha piacere nel sentirsi sottomesso mentre guarda la moglie scopare con un altro uomo dominante, detto Bull.

In questo articolo ti spiegherò tutto ciò che devi sapere sul cuckold e su questa categoria sessuale strettamente legata al BDSM.

Le Basi..

Iniziamo a vedere chi è il cuckold in modo generico, osservando Lui (Uomo) e Lei (Donna):

Lui: L’uomo cuckold, gode nel vedere la propria moglie fare sesso con un altro partner detto Bull.

Lei: La donna, detta cuckquean, gode nel vedere il proprio uomo fare sesso con un’altra donna mentre la umilia. (Questa situazione è meno frequente nella coppia cuckold, ma può capitare).

Cosa significa cuckold

In inglese, “cuckold” significa “cornuto” ed è un termine colloquiale, se non addirittura offensivo. Ciononostante, viene usato anche per indicare un fetish specifico: guardare il partner mentre fa sesso con un’altra persona. In tal senso, il cuckold è un “cornuto dichiarato” e felice di esserlo.

Da dove viene questo termine?

In biologia, il termine cuckold indica un maschio che si prende cura di piccoli non suoi, di solito senza saperlo. Il termine viene a propria volta da “cuckoo”, ovvero “cuculo” in inglese, l’uccello depone le proprie uova nei nidi altrui.

Proprio come l’uccello “cuckold”, anche il cornuto umano potrebbe allevare i piccoli di un altro uomo, finiti nel suo “nido” a causa dell’infedeltà della moglie. Nel tempo, il termine si è slegato dalla presenza o meno di figli altrui, diventando sinonimo di infedeltà in generale. Da qui il nome del fetish.

Psicologia del Cuckold

Molti danno per scontato che la psicologia del cuckold sia quella di un uomo sottomesso, disposto a farsi calpestare dalla moglie e dal suo “amichetto”. In realtà, non è detto che sia così.

Un cuckold può diventare tale per 4 motivi principali:

  • è un voyeur, cui piace guardare la moglie mentre fa sesso con un altro;
  • gli piace essere sottomesso;
  • gli piace dominare la moglie, tanto da poterla “prestare” ad altri uomini;
  • semplice curiosità.

Molti iniziano per curiosità, infatti: si accorgono di provare piacere nel guardare un altro uomo, magari dominante e sessualmente dotato, mentre soddisfa una donna. Pian piano iniziano a immaginare che quella donna sia la loro partner e che l’uomo in questione, il bull, sia a disposizione per soddisfare le loro voglie.

Anche il desiderio di sottomissione può assumere diverse sfumature psicologiche, nel cuckold. Per alcuni, si manifesta quando viene loro ordinato di guardare passivamente la moglie che scopa con il Bull, il tutto magari condito di insulti. Altri godono nel guardare la moglie uscire di casa, aspettando con ansia che torni e racconti loro cos’ha fatto con il bull.

A quale categoria sessuale appartiene

Con il termine cuckold ci si riferisce ad una pratica sessuale che rientra nella categoria del BDSM (Bondage, Dominazione, Sadismo, Masochismo) che solitamente racchiude comportamenti sessuali atipici, dove c’è il piacere di condividere l’esperienza di dominare e sottostare a situazioni di sesso anche estremo.

Questa trasgressione erotica si attua all’interno della coppia, solitamente etero, in cui l’uomo o la donna hanno il ruolo del sottomesso nei confronti del proprio partner. Questo gioco erotico, specialmente per gli uomini cuckold, può anche prendere una piega fetish-omosex.

Come agisce l’uomo cuckold

Come ti dicevo, il cuckold stereotipato gode nel vedere la propria moglie a letto con un altro uomo, rappresentando così il “cornuto” sottomesso e impotente alla situazione. Eppure, la realtà può essere molto diversa.

Ricorda che quello del cuckold è pur sempre un ruolo all’interno di un gioco consensuale. In realtà, cuckold e “sweet” (la compagna) sono sullo stesso piano: prima di passare ai fatti, decidono inseme fino a che limite ci si può spingere e scelgono un bull che vada bene ad entrambi.

Nonostante si presenti come l’uomo dominante della situazione, il bull non è niente di più che un toro da monta, come dice il termine stesso.

Una volta scelto il Bull mediante annunci, siti per cuckold o durante eventi per scambisti, si passa all’incontro e inizia questa eccitante esperienza a tre.

Chi è il cuckold? Un approfondimento!

Come diventare cuckold

Abbiamo visto chi è il cuckold, ma come diventare cuckold tu stesso? Potrà sembrare strano, ma convincere un partner a farti le corna potrebbe essere difficile. Inoltre, devi considerare tutti i possibili aspetti psicologici: per quante volte tu possa sognare di essere cornificato, la realtà è sempre una cosa molto diversa dalla fantasia.

Ecco qualche consiglio per trasformare il sogno in solida realtà.

Convincere tua moglie

Il primo passo, nonché il più importante, è convincere tua moglie a fare sesso con un altro. Se vi siete conosciuti nell’ambiente dello scambismo, il problema non si pone. Altrimenti?

In gran parte dei casi, è bene muoverti con lentezza: evita di lanciarle la proposta all’improvviso, prima di sapere come potrebbe prenderla. Piuttosto, proponile qualche film porno a tema e vedi come reagisce. Allo stesso modo, proponile di leggere insieme libri e racconti a tema, ricchi di dettagli piccanti.

Questa prima fase serve per esaminare le sue reazioni: la prospettiva di fare sesso con un’altra persona la eccita o la mette a disagio? Cosa ne pensa dei cuckold? Se le risposte sono positive, puoi fare il passo successivo, ovvero passare a una proposta vera e propria. Se invece non ne vuole sapere?

banner

All’interno di una coppia bisogna saper mediare. Se per te diventare un cuckold è importante e la tua partner non vuole, ti consiglio di parlarne con una persona esperta. Un consulente di sessuologia o un sessuologo può aiutare entrambi a trovare una soluzione di compromesso, nonché ad esaminare dubbi e paure.

Decidere i paletti

C’è cuckold e cuckold: alcuni cuckold amano restare nella stessa stanza con la moglie e il bull, guardandoli mentre fanno sesso; altri non vogliono avere niente a che fare con il bull, invece. Tutte queste cose vanno chiarite prima di passare ai fatti, in modo da evitare situazioni sgradevoli.

Prima di fare qualsiasi cosa, spiega alla partner cosa significa per te essere un cuckold; esprimi anche quello che ti sembra più banale e scontato, perché non è detto che lo sia veramente. A questo punto, quando sapete entrambi cosa vi piace e cosa non vi piace, potete passare all’azione.

Organizzare l’incontro con il Bull

Dato che si tratta di un rapporto deciso dalla coppia, l’intesa tra moglie e marito è un elemento imprescindibile. Il cuckolding è una pratica sessuale in cui entrambi accettano di ricoprire un ruolo ben preciso: lui il “cornuto” e lei “l’animale da monta per il bull”. Di conseguenza, serve consenso e rispetto reciproco.

Ormai l’avrai capito: il cuckold ha un ruolo molto meno passivo di quello che sembra. Spesso e volentieri, il cuckold sceglie il bull che ritiene adatto alla moglie. Lei viene informata e, se lo considera anche lei interessante, l’affare è fatto. Altre volte, le cose vanno in modo diverso.

  • Il cuckold si fa dare suggerimenti da lei, se non addirittura esegue i suoi ordini: lei sceglie il bull e sempre lei decide come e se il cuckold può intervenire. In casi del genere, il marito cornuto aspetta l’approvazione della partner anche per intervenire nell’amplesso.
  • La coppia sceglie insieme il bull e decide cosa fargli fare. Qualche volta, mettono giù addirittura un canovaccio, con tanto di battute e di azioni da compiere. Il bull, proprio come il cuckold e la sweet, è l’attore di un film.

Si tratta di un copione rigido? Non è detto e dipende molto dalla coppia e dal bull. Il più delle volte. viene tutto da sé, in base all’eccitazione del momento. È una commedia nella quale c’è ampio spazio per l’improvvisazione.

Concordare una safeword

Nel BDSM, la safeword è un segnale di sicurezza per rallentare o fermare la scena. Checché ne dicano le persone, però, questi segnali tornano utili anche quando non ci sono fruste e latex di mezzo. In generale, sono un modo comodo per segnalare il tuo disagio fisico o psicologico, il che le rende uno strumento utile anche per le coppie cuckold, specie se sono agli inizi.

Le safeword più banali sono il semaforo.

  • Verde: va tutto bene.
  • Giallo: questa cosa mi mette a disagio oppure ho bisogno di rallentare.
  • Rosso: ferma tutto.

Chiunque può usare una safeword, anche il bull o la sweet. Inoltre, puoi usare la safeword anche per cose cui avevi dato il consenso, se scopri di aver cambiato idea. Ti faccio un esempio.

Hai sempre sognato di diventare un cuckold, ma non c’è mai stata occasione. Finalmente, tu e la tua bella vi siete messi d’accordo e avete trovato un bull che, come da accordi, la scoperà ben bene mentre tu guardi. Finché si è trattato di sesso orale e masturbazione, nessun problema: hai osservato tutto eccitatissimo. Quando sono passati alla penetrazione, però, hai iniziato a sentirti a disagio.

La safeword serve proprio in questi casi, per fermare tutto e discuterne con la partner. È piacevole per le altre due persone? No, è ovvio: a nessuno piace essere fermato durante una scopata. Se però vuoi una vita di coppia longeva ed eccitante, devi comunicare anche queste situazioni di disagio e saperle discutere.

La prossima volta, andrà meglio.

Trattare il bull come un alleato

Al di fuori del gioco, il bull è un alleato del cuckold: senza la collaborazione del primo, il secondo non potrebbe mai realizzare le proprie fantasie. Eppure, molte coppie finiscono per oggettificare questa figura, ignorandone necessità e sentimenti.

Intendiamoci: ad alcuni bull piace essere oggettificati; in tal caso, nessun problema.

Salvo questi casi particolari, però, ricorda che anche il bull è lì per divertirsi e per realizzare le proprie fantasie. Per questa ragione, potrebbe tornarvi utile un “briefing” nel quale discutere limiti e obiettivi di tutti e tre. Inoltre, potrebbe rivelarsi una guida preziosa, se lui è un bull esperto e voi siete una coppia cuckold agli inizi.

Pretendere le protezioni

Ultimo punto, ma non meno importante: quando diventi cuckold, apri il tuo letto ad altre persone; per quanto possa essere eccitante, questo comporta anche una certa dose di rischi per la salute. Per proteggere tutte le parti in gioco, avete due possibilità:

  • usare il preservativo, sempre e comunque;
  • portare avanti un rapporto a tre fisso, nel quale siete tutti testati e non fate sesso al di fuori del trio.

Data la natura del cuckolding, la seconda soluzione è la meno fattibile. Mi spiace: non ti resta che equipaggiarti con preservativi e barriere dentali in abbondanza.

Il ruolo del cuckold

Il cuckold decide le modalità del suo ruolo passivo (sempre che sia davvero il cuckold il sottomesso): come giocare, come interagire con il bull. Lo fa raccontando le sue fantasie alla moglie e spiegando al bull cosa lo eccita, per fargli capire meglio come muoversi.

Nel sesso domina sempre la fantasia, specie in pratiche particolari come il cuckolding: improvvisazioni e cambi di scena, con comandi inaspettati e negazioni improvvise, sono parte del bello.

In questo gioco sessuale, è vero che si recita un ruolo con degli schemi precisi. È anche vero che è l’eccitazione del momento a governare il gioco erotico: chissà che, con il consenso di tutti, il cuckold sottomesso non diventi un potente “stag”. Più spontaneità c’è, migliore sarà l’esperienza Cuck!

Conclusioni

Ora sai chi è il cuckold. Se hai curiosità a riguardo o hai vissuto una esperienza simile, scrivi nei commenti la tua storia.

.....
Condividi l'articolo

One thought on “Chi è il Cuckold?

  • Praticamente noi! Siamo una coppia cuckold della provincia di Milano e ci ritroviamo pienamente nelle descrizioni elencate, ormai sono 30anni che viviamo il cuckoldismo e il nostro rapporto è stato sempre forte, c’è tanta sintonia tra di noi e coinvolgimento reciproco. Essere una coppia cuckold appaga tantissimo.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *