banner
BDSM

Cos’è l’Age Play, il Kink della Giovinezza

Condividi l'articolo

banner

Anche nell’ambiente BDSM, l’age play è un kink che suscita perplessità nelle menti più conservatrici. Molti sono turbati dall’idea di inserire la dinamica adulto-bambino in un gioco erotico, nonostante i partecipanti siano tutti sempre adulti e consenzienti. Agli occhi di alcune persone, questo tipo di pratiche è addirittura più tabù dell’edge play.

In questo articolo, spero di fare chiarezza su una pratica di fatto innocua (per quanto può essere innocuo il sesso estremo), spesso vittima di pregiudizi perfino all’interno della comunità.

Cos’è l’age play

Praticante spiega cosa sono DDLG ed Ageplay

Con age play si definisce un insieme di pratiche nelle quali il dom interpreta un caregiver, mentre il sub interpreta un minore. Il rapporto tra i due ruoli e le età dipendono in larga parte dal gusto dei praticanti.

A seconda del tipo di gioco che si preferisce, il sub può interpretare un adolescente o un bambino di pochi anni. Allo stesso modo, il dom può essere una figura genitoriale (il Daddy o la Mommy), un insegnante o una bambinaia; l’importante è che sia qualcuno di autorevole, incaricato di prendersi cura del piccolo che gli è stato assegnato.

Come spesso accade nel BDSM, anche l’age play può essere privo di connotazioni esplicitamente sessuali. In alcuni casi, il gioco consiste solo nell’imitare lo squilibrio di potere che c’è tra una persona adulta e una persona più giovane, senza che si sfoci nel sesso. L’adulto può prendersi cura del suo piccolo con dolcezza e, se serve, punirlo e disciplinarlo.

È un kink per pedofili?

Age play e pedofilia non hanno nulla di che spartire: anche le forme di age play più estremo, nelle quali si interpretano genitori e bambini piccoli, sono solo giochi tra adulti.

Mentre il pedofilo è attratto dai bambini a causa del suo disturbo, il Daddy o la Mommy è interessato solo a persone adulte: i bambini non hanno alcun fascino erotico per lui o per lei. Ciò che rende la pratica così coinvolgente, infatti, è proprio avere una persona adulta alle prese con le limitazioni di bambini o adolescenti.

Il meccanismo è quello che caratterizza il BDSM in generale: il sadico non gode nel fare del male a caso, ma dal provocare dolore in qualcuno che gode di quelle sensazioni. Allo stesso modo, il Daddy vuole vedere un partner adulto, con attributi fisici da adulto, abbassarsi spontaneamente al livello di un bambino.

Morale della favola: chi pratica age play non è un pedofilo.

I diversi tipi di age play

Cos'è un adult baby
Cos’è un adult baby

Come accennato sopra, esistono diversi tipi di age play, in gran parte distinguibili in base all’età fittizia del sub. A seconda che questo interpreti un neonato o un adolescente, infatti, il gioco cambia in modo radicale.

Adult babies

Gli adult babies sono forse coloro che fanno più scalpore tra le persone vanilla, dato che sono adulti che interpretano neonati.

banner

I sub che vestono i panni del neonato, si esprimono con i versetti tipici dei bambini piccoli e si fanno curare dal caregiver. L’adulto si comporta come con un neonato: gli dà il biberon, lo cambia, lo coccola e lo fa giocare. In gran parte dei casi, non sono previsti giochi erotici durante la pratica.

Per alcuni aspetti, questo tipo di gioco assomiglia al pet play: il sub regredisce a uno stato di serena incoscienza, lasciando che sia il dom a prendersi cura di lui.

Il fetish del pannolino: dove si colloca?

Il fetish del pannolino va spesso a braccetto con l’age play, ma non è detto che si sovrappongano: ci sono adult baby che non hanno questo fetish e che usano il pannolino solo come accessorio; allo stesso modo, alcune persone amano i pannolini anche senza la componente di age play.

Little

I little interpretano bambini un po’ più grandicelli, con un’età tra i 3 e i 10 anni. Le little girl indossano abitini vezzosi da bambina e i ciucci sono comuni sia tra i maschi sia tra le femmine.

In questo tipo di gioco, il fulcro è spesso la disciplina: il bambino è dispettoso e incontrollabile, il che costringe il caregiver a prendere seri provvedimenti. In molti casi, questo pone le basi per giochi tra brat (sub disobbedienti e dispettosi) e brat tamer (dom che si divertono a punire i brat per le loro marachelle).

Teen

Age play con teen
Age play con teen

Il sub interpreta un adolescente, quindi qualcuno di giovane ma sessualmente maturo. Per questa ragione, questa forma di age play ha fatto capolino anche nel porno tradizionale. Basti pensare a figure come Jordi El Niño Polla, pornoattore che interpreta principalmente ragazzini alle prese con insegnanti o matrigne vogliose.

Nell’age play “teen”, l’adolescente di turno è alle prese con tutti i problemi tipici di quella età. Il dom deve mettere un freno alle ribellioni del teen, costringendolo a fare i compiti o a pulire la sua stanza. Dato che parliamo di BDSM, il tutto è condito con sculacciate e affini.

Dal momento che il sub interpreta un adolescente, è forse la forma di age play nella quale il sesso è più presente: abbondano le studentesse che vogliono strappare un buon voto al professore, così come i collegiali che devono arruffianarsi il responsabile del dormitorio.

Cerchi il tuo Daddy o il tuo Little?

Se hai questo tipo di fantasie su persone adulte come te, non hai nulla di cui vergognarti: non c’è nulla di male o di sbagliato. Butta alle ortiche il senso di colpa e cerca un partner con le quali realizzarle, a un evento BDSM o su un sito di incontri.

.....
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *